Volley, Fernando Hernandez: “Porteremo in alto la Pallavolo Piacenza”

Pubblicato il autore: Gabriele Lepri

hernadez 2

231 punti in appena 10 giornate di campionato, il mondo del Volley esalta le prestazioni di Fernando Hernandez. Il noto giocatore della Pallavolo Piacenza, si gode l’ottimo momento in virtù di diversi risultati raggiunti fino ad oggi:  il campione cubano infatti è in testa alla classifica per attacchi vincenti, ace totali e battute vincenti per ogni parziale disputato. Poteva mancare un altro riconoscimento? Certo che no, Fernando Hernandez è anche attualmente il miglior bomber della Superlega e miglior battitore del campionato. Record su record macinati con tanto duro lavoro e sacrificio. E nel frattempo si gode gli splenditi risultati con la Pallavolo Piacenza. Intervistato da Gazzetta.it Fernando Hernandez ha parlato del suo momento, in modo particolare del primato più importante a suo giudizio:

“Da quando, giovanissimo, nella nazionale cubana ero chiamato in causa solo per il servizio ho l’abitudine di concentrarmi maggiormente sulla battuta. Quest’anno all’inizio ho faticato per qualche problema fisico, adesso sto bene ma non sono ancora al massimo”.

Fernando Hernandez ha poi messo in luce un particolare importante. In occasione dei tantissimi punti realizzati fino ad oggi nessuna grande esultanza è stata messa in mostra dal noto campione cubano. Possibile segnale di distrazione od altro sotto questa decisione? Fernando Hernandez ha chiarito così la vicenda:

Leggi anche:  Volley, tragedia terremoto in Turchia: THY-Busto Arsizio non si gioca

“Io e Hierrezuelo seguiamo una religione afro-cubana che si chiama Yoruba. Per il primo anno non posso dare la mano a nessuno, e infatti saluto tutti quelli che mi si avvicinano porgendo il pugno, non posso mettere il profumo o tagliarmi i capelli prima di tre mesi, fuori dal lavoro devo essere vestito esclusivamente di bianco e lontano dal campo da gioco non posso farmi fotografare. Hierrezuelo è già al secondo anno e ha meno limitazioni, io devo seguire regole ferree”

I diversi giocatori cubani che militano attualmente nella Pallavolo Piacenza hanno dato il via ad un gruppo unito e vincente, anche grazie all’apporto di giocatori di altre nazionalità. Fernando Hernandez ha esaltato le caratteristiche della squadra:

“Non penso sia una questione di nazionalità: tutta la squadra ha una grande voglia di vincere, si lotta insieme per traguardi ambiziosi e il successo con Trento ha portato enorme entusiasmo. Ma non basta, possiamo fare di più e io voglio essere protagonista della storia biancorossa. Nel corridoio che porta al campo ci sono le stelle con i nomi di tutti i giocatori che qui hanno conquistato qualcosa, a breve voglio veder brillare anche la mia”

Fernando Hernandez ha poi messo in luce la città in cui si trova, nonostante le condizioni ambientali di tutto l’anno non siano paragonabili a quelle di Cuba:

“Ho giocato due anni in Giappone con freddo e neve, ci sono abituato. E poi vivo fra casa, PalaBanca, ristorante e supermercato; il clima non è un problema e mi piace la gente, non si esalta quando le cose vanno bene e non si abbatte quando vanno male. C’è grande tranquillità, la condizione adatta per lavorare”

Il pallavolista infine ha parlato degli obiettivi della sua squadra che dopo la vittoria di Trento sogna in grande. Un punto divide la Pallavolo Piacenza da quarto posto:

“Non ci poniamo limiti e possiamo crescere ancora. L’importante è procedere a piccoli passi, senza correre troppo. Magari non vinceremo tutto, ma qualcosa lo portiamo a casa di sicuro”

  •   
  •  
  •  
  •