Per il doppio ex Recine Azimut-Lube sarà una partita fantastica

Pubblicato il autore: Andrea Malavolti

stefano-recineUn doppio ex che non riesce proprio a stare con le mani in mano e che, a 59 anni, ha già in mente numerosi progetti da realizzare con la Lega Pallavolo, con la quale collabora ormai da inizio stagione.
Stefano Recine è spettatore preparato e interessato di questo scorcio di campionato nel quale Azimut Modena e Lube Civitanova – previsto il tutto esaurito al modenese PalaPanini-, ma tu guarda il caso, si giocheranno il primato nell’ultima partita del girone di andata.
“La vivo come una partita bellissima – dichiara Recine -. senza ombra di dubbio un match per cui vale la pena precipitarsi al botteghino per acquistare il biglietto”.
Recine, facciamo un passo indietro: Modena sembra implacabile nei big match…
“L’Azimut ha un potenziale enorme e lo sta dimostrando soprattutto nelle gare e nei momenti decisivi. Ma se guardate la partita di Piacenza ha vinto soprattutto per il numero di ace e per alcuni episodi nei finali di set”.
Coach Roberto Piazza lo ha ammesso, “saremmo potuti uscire senza punti…”
“Certo, Modena avrebbe potuto perdere, ma il volley è così, in partite del genere gli equilibri si spostano per un nonnulla. E se avessero perso, Petric e soci, si sarebbe parlato ancora una volta di crisi, come dopo Molfetta: ma le cose non stanno così”.
A proposito: letale con le grandi ma in difficoltà con le piccole, Modena?
“Alle squadre che annoverano così tanti reduci dall’estate olimpica una flessione va concessa. Aggiungiamo l’assenza di Ngapeth e la qualità di formazioni come Monza o la stessa Molfetta ed ecco spiegate le due sconfitte recenti dei gialloblù. Ci sono comunque passate anche altre squadre”.
Che cosa pensa della Lube capolista?
“Un roster profondo, con un opposto nuovo e di grande spessore come Sokolov. Inoltre è allenata benissimo, Blengini è un tecnico maturo e competente. Non mi sorprendo nel vedere in testa alla classifica i marchigiani”.
Un pronostico per domenica?
“Non si può fare. La differenza la faranno i singoli. Una cosa però è sicura: vincere a Modena, soprattutto in questo periodo, è e resta un’autentica impresa per qualsiasi squadra”.
Le piace questa SuperLega?
“Mi piace molto perché il livello medio si è alzato: è sufficiente pensare che squadroni come Piacenza e Verona sono rispettivamente quinta e sesta. Le squadre di centro classifica, poi, hanno giocatori di spessore e dalle tante doti fisiche: le già citate Monza e Molfetta ma anche compagini lottatrici come Sora e Latina, allenate dai due grandi fratelli Bagnoli, non mollano mai. E infatti rubano punti spesso.”
Comunque la si guardi, Modena – Civitanova di domenica prossima sarà un match altamente combattuto e spettacolare che non deluderà assolutamente i palati fini della pallavolo. Se saranno davvero i singoli a fare la differenza non ci è dato saperlo, ma certamente il roster sia dell’Azimut che della Lube è di tutto rispetto e promette scintille sul campo. Gli spettatori che accorreranno all’impianto modenese sicuramente si divertiranno e non faranno mancare il loro tifo sempre caldo e appassionato ai propri beniamini dell’Azimut Volley Modena. Una partita davvero da non perdere per i veri amanti della pallavolo.

Leggi anche:  Coppa Cev volley femminile, brutto tonfo per Busto: eloquenti le parole di coach Musso
  •   
  •  
  •  
  •