Superlega volley, Vibo Valentia-Trento: risultato a sorpresa con rimonta

Pubblicato il autore: Marco Roberti Segui

Vibo Valentia-TrentoDue ore e mezza di battaglia in Calabria che portano alla fine a grandi sorprese, in una gara ad alto tasso di spettacolarità
Nel primo set all’inizio si rispondono a suon di aces Costa da una parte e Giannelli dall’altra; il Palavalentia si scalda andando sul 3-0, ma le battute e la regia del classe ’96 italiano riequilibrano la sfida. Il grande equilibrio iniziale viene alterato da alcuni falli banali di Coscione. Così la Diatec scappa con un parziale che è al primo time out degli uomini di Kantor di 11-6. Il divario si approfondisce anche con gli ospiti che sfruttano le maggiori qualità. La Tonno Callipo prova a recuperare qualche break di svantaggio grazie alle iniziative del suo opposto, ma Van de Voorde è determinante con i suoi muri. Il secondo set è molto più equilibrato e si gioca punto su punto. Si alza il livello di entrambe le squadre, in particolare della Vibo Valentia con Kadu che lievita in ricezione e in attacco e anche Geiler che mette a terra punti pesanti. E nel secondo set mettere a terra punti è estremamente difficile perché gli scambi prolungati e spettacolari si susseguono con salvataggi e difese eccezionali nelle quali si distingue in particolare Marra. Nella parte finale Trento scappa fino al 20-23; ma la Tonno Callipo recupera lo svantaggio fino al 23 pari. Ma a quel punto un primo tempo di Mazzone e un errore in appoggio di Kadu consegnano il 2-0 agli ospiti. Ma i calabresi non ci stanno a mollare e crescono di intensità nel terzo set, mentre la Diatec cala. Vibo scappa nelle battute di avvio arrivando fino al 7-11. Ma Lorenzetti allora decide di operare dei cambi inserendo Mazzone e Antonov per Solè e Urnaut. Trento torna in scia grazie alla lucidità di Lanza e i colpi di Giannelli. Però ha il fiato corto e i padroni di casa scattano nuovamente in avanti: la potenza di Costa e gli errori, anche in momenti decisivi, di un Nelli in difficoltà fanno la differenza. Un muro di Mazzone ritarda solamente il set ponti della Tonno Callipo che chiude il set grazie a un clamoroso in battuta di Van de Voorde. Rinfrancata nello spirito, la Vibo macina gioco anche nel quarto set sostenuta da un Palavalentia felicemente rumoroso. Kadu martella fortissimo(addirittura una sua schiacciata colpisce fortuitamente Nelli e si impenna fin sul soffitto), ma Trento risponde da par suo con Giannelli che attiva a meraviglia i centrali. Pochi punti separano le due squadre, ma questi sono sempre a favore di Vibo che tiene il vantaggio non concedendo break agli avversari che soffrono in difesa. Stokr non entra convinto in partita, mentre Costa non viene mai né murato, né sporcato dal muro avversario. Sul finale di set pesano molti errori banali della Diatec in confusione in tutti i fondamentali; ma alla fine la chiude Diamantini, migliore in campo della quarta frazione. Il tie break conferma che l’aria è cambiata e ora gonfia le vele della Tonno Callipo. Nelli rientra in campo da opposto, mentre Kantor non leva più Diamantini; giustamente perché il centrale continua a murare gli avversari(alla fine saranno 2, tutti pesanti). Si parte subito con un secco 4-1 dei calabresi. I martelli locali trascinano la squadra: soprattutto con Kadu, ottimo in battuta e in attacco(anche in pipe). Nella metà campo di Trento non c’è invece reazione e inutilmente Lorenzetti si sbraccia. Inutilmente perché i giallorossi volano con recuperi eccezionali che li portano fino al 10-5. La partita è segnata e i punti successivi avvicinano Vibo alla vittoria con forza e costanza. Non riesce un ultimo salvataggio disperato a Giannelli e i padroni di casa possono giustamente festeggiare un successo in rimonta meritatissimo. La prestazione è cresciuta enormemente dopo il secondo set sia in attacco sia in ricezione(con un ottimo 67% di ricezioni positive da parte di Geiler). Ora se Trento si lecca le ferite e comincia già a pensare alla prossima gara di campionato, la squadra di Kantor dovrà incamerare la spinta positiva di questo successo per superare il turno in coppa Italia dove affronterà Padova che ha perso contro Ravenna.

Leggi anche:  VNL maschile, 10ª giornata: solo la Polonia tiene il passo del Brasile
  •   
  •  
  •  
  •