Del Monte Coppa Italia Volley: Le dichiarazioni dei protagonisti

Pubblicato il autore: Morgana Corti Segui


Il weekend della Del Monte Coppa Italia Volley 2017 si è appena concluso. Per gli appassionati di volley sono stati due giorni pieni di emozioni e divertimento. L’Unipol Arena ieri era sold out, c’erano circa 9000 persone che hanno deciso di passare la giornata a tifare e non solo. Grande euforia nel palazzetto per i giochi e le kiss cam sui maxi schermi, i siparietti della Del Monte Volley Band e i continui blitz ai margini del campo delle due mascotte.
Ma la finale tra Trento e Civitanova non è stata solo questo. Bello anche l’aspetto coreografico con l’inno nazionale cantato dal coro voci bianche del teatro comunale di Bologna mentre la Coppa Italia arrivava grazie al numero acrobatico su un maxi pallone di Alessandro Maida.  La Lube Civitanova dopo ben 8 anni è riuscita a conquistare la sua quinta Coppa Italia ed è il primo trofeo in assoluto da quando la squadra si è trasferita a Civitanova.La vittoria è arrivata proprio contro la Diatec trentino che lo scorso anno l’aveva eliminata in semifinale, quasi una rivincita. Alla fine ha vinto chi ha giocato meglio ed ha sbagliato meno, e la Lube ha dimostrato di avere quel qualcosa in più rispetto a Trento.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, Conegliano ok a Trento e ora testa alla Champions

Del Monte Coppa Italia Volley. Le dichiarazioni dei protagonisti

G. BLENGINI (COACH LUBE)- “Dedico questo successo alla mia famiglia, ai ragazzi della squadra che sono stati fantastici non solo oggi: siamo rimasti umili e consapevoli di non aver vinto nulla fino a stasera. Oggi abbiamo disputato una prova sostanziosa, di carattere, rimanendo sempre punto a punto anche nei momenti difficili, con più continuità rispetto alla gara di ieri. La dedica più importante, però, è per la proprietà, che mi da il privilegio di poter allenare questi campioni, e per i giocatori che scendono meno in campo, giocherebbero titolari in qualsiasi altra società ma si fanno trovare sempre pronti ogni volta che vengono chiamati in causa: con una proprietà così e una squadra così l’allenatore può accompagnare solo.”

J. KOVAR– “Questa vittoria gratifica un gruppo che ha lavorato duramente, stasera siamo stati ripagati e spero che sia solo un piccolo passo verso altri obiettivi. Abbiamo tanti grandi giocatori in squadra, anche quelli che non hanno giocato potrebbero formare un’altra squadra: è la vittoria di tutti.”

O. JUANTORENA (MVP)- “Una grande soddisfazione, eravamo stanchi dopo i cinque set di ieri ma abbiamo dato tutto in campo. Dopo la sconfitta di un anno fa contro Trento in semifinale, stavolta ci siamo presi una bella rivincita grazie ad una prestazione ottima di tutta la squadra, tenendo sempre alto il nostro livello di gioco.”

A. LORENZETTI (COACH TRENTINO)- Non siamo riusciti a colmare il gap che abbiamo dimostrato di avere rispetto alla Lube in SuperLega, siamo riusciti ad incidere in battuta anche per meriti specifici di Civitanova. Abbiamo commesso anche qualche errore in più del solito al servizio, perché abbiamo cercato in tutti i modi di togliere la palla dalle mani di Christenson ma non ci siamo riusciti. Per rispondere colpo su colpo avremmo dovuto avere un cambiopalla perfetto, mentre il nostro è stato solo buono. Credo, in ogni caso, che questo secondo posto sia davvero un grande risultato; per ottenerlo siamo andati anche oltre i nostri limiti. L’atteggiamento è quello giusto ma dobbiamo provare a dare ancora qualcosa in più.”

S.GIANNELLI-É stato comunque un grande risultato, siamo più contenti ovviamente per il risultato ottenuto ieri con Modena ma oggi la Lube ha giocato meglio di noi sia dal punto di vista tecnico sia da quello mentale. Ripartiamo dalle cose buone che abbiamo fatto ma anche da quelle negative per crescere ancora.”

F. LANZA-  “Non possiamo sicuramente sorridere, soprattutto dopo una finale persa. Abbiamo fatto sicuramente una grande cosa a giocarcela sino in fondo ma stasera la Lube è stata più forte e dobbiamo accettarlo. La squadra ha meritato di poter disputare questa partita e dobbiamo esserne orgogliosi. Nel finale di stagione proveremo a dare fastidio ancora alle nostre avversarie.”

  •   
  •  
  •  
  •