Superlega pallavolo Modena-Perugia: la spuntano i gialloblu dopo cinque set

Pubblicato il autore: Marco Roberti Segui

Vola altissimo il muro di Modena grande protagonista della vittoria sudata contro Perugia

La settima giornata del girone di ritorno della Superlega mette di fronte due tra le migliori squadre del panorama italiano: Modena e Perugia. Ci sono tante sfide tra omologhi ad altissimo livello: quella a distanza tra i due fortissimi palleggiatori argentini Orduna e De Cecco, tra gli opposti Atanasievic e Vettori, e tra i martelli Ngapeth e Zaytsev(il posto del quale in nazionale è insidiato proprio da Vettori).

L’avvio del primo set è spettacolare ed equilibrato. Zautsev martella, servito da De Cecco, quando la rotazione mette di fronte a Santi Orduna, meno abile a muro.  Un muro di Vettori su Berger concede un break di vantaggio a Modena. Ancora Vettori porta i suoi al 17-14 con un ace. E il Palapanini si infiamma quando Le Roux nel suo turno in prima linea mette a terra ben 3 primi tempi: grazie soprattutto alla ricezione che consente a Orduna di servirlo con continuità. Dall’altra parte la Sir risponde con due pipe di Berger. Perugia si rifà sotto con battute più forti e soprattutto con difese migliori. Alla fine però i gialloblu mantengono un break di vantaggio e vincono il primo set per 25-23 grazie al punto di Onwuelo appena entrato.

Leggi anche:  Allianz Powervolley Milano: recupero della quarta giornata contro Modena

Il secondo set si apre con un ace di Le Roux che accarezza la palla e fa uscire una traiettoria infida. La Sir però prende coraggio e si porta avanti grazie a un ace di Zaytsev. Il muro di Russell manda gli ospiti sul +3. Dall’altra parte però Petric stoppa l’altro opposto Atanasievic. Qualche leggerezza di troppo nel campo di Modena fa volare Perugia fino al 12-8. Vettori e Le Roux(altro ace) mantengono in corsa i padroni di casa. Le battute, pezzo forte in casa Modena, vengono sbagliate più del dovuto, mentre Bernardi deve togliere Atanasievic che viene murato per ben 3 volte. Però Perugia mantiene il controllo del set, mentre Modena esce lentamente dalla partita. De Cecco fa una magia per Russell(vero uomo in più del set) e regala palle preziose agli altri suoi compagni. E l’errore di Le Roux alla fine dà a Bernardi e i suoi il pareggio.

Nel terzo set sembra partire meglio Modena, ma Russell sospinge i suoi avanti, fino al 5-7. I padroni di casa però riprendono campo: Ngapeth prende la squadra per mano con pipe e attacchi da prima linea. Vettori da seconda linea attacca con grande continuità. La discriminante tra le due squadre è il muro: saranno 4 al termine del set con Maxwell Holt grande protagonista. Un ace di Petric alla fine dà il punto che serve per riportare i gialloblu in vantaggio.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, finalmente torna a disposizione Tiziana Veglia

Il quarto set è giocato punto a punto. Zaytsev mura Ngapeth, Le Roux fa un altro ace. De Cecco però si affida soprattutto a Russell che mette giù 3 punti consecutivi consentendo a Perugia di mettere il muso davanti. Un vantaggio molto risicato che infatti viene ricucito da Vettori e Ngapeth. Ma l’equilibrio è totale e ancora la Sir Safety va avanti grazie a un ace di De Cecco(molto sfortunato nel tocco di tacco sui move metri Vettori). Modena tenta di tornare in scia, ma Russell fa sfuggire gli ospiti con il punto del 17-20 su una grande azione di contrattacco(con alzata all’indietro di Zaytsev). Tre punti non sono facili da riprendere a Perugia che infatti porta la gara al tie break, grazie a un errore in battuta nell’altro campo.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, Monza fa la voce grossa e frena la corsa di Novara

Nel quinto set la partenza sprint è di Perugia che si porta addirittura sul 4-1, grazie a Russell e Zaytsev. Ma ancora Ngapeth prende i suoi per mano e a metà del tie break riporta i suoi a galla, sul 7-7. Cambia il corso del set definitivamente: Le Roux trova l’ennesimo ace della partita, Orduna trova un punto di seconda e la Sir Safety sbaglia un attacco: si arriva sul 10-8. Ngapeth trova un punto addirittura in bagher rovesciato, e Orduna mette a terra un altro ace. Petric conduce i suoi a giocarsi 5 point. E il punto decisivo arriva sull’errore in battuta altrui. Due punti sudati, conquistati e meritati per la squadra di Piazza che sale a 45, mentre quella di Bernardi arriva a 47. Il match è stato veramente equilibrato. Due set a testa e un tie break in cui però Modena è stata più concreta. Sugli scudi Le Roux e Ngapeth, oltre a Vettori, mentre dall’altra parte delude Atanasievic che viene levato nel secondo set e non rientra più. Ora Modena potrà sfruttare l’onda lunga dell’entusiasmo in coppa Italia nel prossimo fine settimana, mentre Perugia potrà utilizzare questa sosta per leccarsi le ferite e ricominciare a correre.

  •   
  •  
  •  
  •