Samuele Papi, il Fenomeno del volley si ritira

Pubblicato il autore: Morgana Corti Segui

Chiunque giochi a pallavolo da almeno 25 anni lo conosce o almeno ha sentito nominarlo una volta nella sua vita, si stiamo parlando proprio di lui : Samuele Papi.
A 43 anni il giocatore, che da 6 anni milita nella LPR Piacenza, da sempre ha fatto lo schiacciatore mentre solo da quest’anno ricopre il ruolo di libero, ha dichiarato che questa sarà la sua ultima stagione da professionista, forse qualcuno dirà era ora, ma per altri significa vedere il proprio idolo che si ritira. Nella sua lunga carriera, gioca da 27 anni come professionista ed in questi anni ha vinto tanti trofei, per la precisione 45 : 4 medaglie alle Olimpiadi ( due argenti e due bronzi), 3 ori agli Europei, 2 ori ai Mondiali, 5 world League, 6 scudetti, 3 Champions League, 1 Coppa CEV, 3 Challenge CUP, 6 Coppa Italia, 8 Supercoppe Italiane e 1 Coppa del Mondo.

Samuele Papi fa parte della generazione dei fenomeni, per citarne alcuni: Zorzi,Lucchetta, Giani, Bovolenta, Sartoretti, Tofoli, il periodo in cui l’Italia ha dominato a livello mondiale; lui ne è entrato a far parte da giovanissimo, a soli 17 anni debutta nella Falconara, società marchigiana che in quel periodo la società che aveva i grandi giocatori e vinceva sempre. Ha cambiato solamente tre squadre, come già detto precedentemente è partito da Falconara (1990-1994), passando per Cuneo ( 1994-1998), poi è passato nella Sisley Treviso, la sua seconda casa dove è stato capitano per 12 anni (1998-2011). Papi è un campione silenzioso, da sempre è riuscito a conquistarsi il rispetto delle tifoserie avversarie, stimato da molti giocatori ed ammirato dai giovani che si affacciano per le prime volte al mondo della pallavolo.
Papi lo si può chiamare Fenomeno perché ha un carisma e una grinta da vendere, ha una tecnica e una manualità che difficilmente rivedremo in qualche giocatore, ma soprattutto è umile, non è un giocatore che ama stare davanti alle telecamere, a queste preferisce il lavoro in palestra.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, risultati 11.a di ritorno e classifica: si infiamma la lotta salvezza

La notizia è arrivata dopo un’intervista rilasciata al sito Sport Piacenza, queste le  parole di Samuele Papi:
Tutti hanno capito che questa sarà al cento per cento la mia ultima stagione, credo che l’affetto dei tifosi, sia un applauso di addio alla mia carriera. Continuare ancora un’anno come libero?Assolutamente no, la decisione è presa. Tengo duro fino al termine della stagione, spero il più avanti possibile, poi appenderò definitivamente le scarpe al chiodo”.

Papi ha ormai superato gli 8500 punti in Superlega, ma oltre a questo record ne detiene anche un altro:  il giocatore più vecchio. Ha visto numerosi cambiamenti nella Pallavolo, come le modifiche dei regolamenti, si è eliminato il cambio palla, si è arrivati al sistema rally-poiny system, sono stati introdotti i palloni colorati e negli ultimi anni il video-check.

Nella sua lunga carriera ha indossato per molti anni anche la maglia azzurra, sono ben 361 le sue presenze in Nazionale dove tra le nazionali Juniores e quella maggiore ha vinto ben 13 trofei. Se non fosse stato per i 6 anni, dal 2006 al 2012 in cui ha lasciato la Nazionale, sicuramente avrebbe alle spalle ancora più presenze.
Bhe l’unica cosa che si può dire è GRAZIE Samuele Papi per aver lasciato alla pallavolo italiana una parte del tuo talento, con il suo ritiro si chiude definitivamente la generazione  dei Fenomeni, quei giocatori che rimarranno per sempre nella Leggenda e nel mito dello sport italiano.

  •   
  •  
  •  
  •