Superlega pallavolo maschile: Lube sempre più prima, Verona insidia la top four

Pubblicato il autore: Marco Roberti Segui

Non è stata parca di spettacolo neanche l’ottava giornata di ritorno di Superlega di pallavolo maschile. Non ha deluso innanzitutto il big match di giornata: cioè quello tra Perugia e Civitanova al Palaevangelisti. Ha vinto la Lube per 3 set a 1 una partita che ha meritato. Il primo set è stato forse quello chiave perché finito 31-33 per gli ospiti che hanno saputo sfruttare meglio alcune situazioni e hanno chiuso il set con un ace di Kovar. Forse c’è stato un contraccolpo psiclogico degli uomini di Bernardi che li ha portati a scomparire dal secondo set, perso con il pesantissimo passivo di 10-25. E se il terzo set, vinto 25-20, poteva rimettere in piedi la partita, il secco 16-25 del quarto la ha messa in cassaforte per la capolista. Grandissimo Christienson, così come Jiri Kovar. Nella Sir dietro la lavagna finisce Zaytsev, mai in partita e sostituito da Berger, che conferma il suo buon momento(dopo la prestazione in CEV) ma questa volta non è stato decisivo. Chi insidia la top four della Superlega di pallavolo maschile è la Calzedonia Verona che vola in casa contro Modena. La squadra di Grbic ha letteralmente azzannato gli avversari che poco hanno potuto. Certo, l’Azimut ci ha messo del suo facendo una partita decisamente sottotono con un Vettori dopo il primo set irriconoscibile e i centrali poco in gara. A poco è servito anche l’ingresso di Max Holt per brevissimi spezzoni: il centrale americano non sta ancora bene e si vede. Solo Petric e Ngapeth hanno tenuto alta la bandiera degli ospiti con una prestazione di carattere nel terzo set. Nel campo di Verona, Djuric è stato l’autentico mattatore. Potenza e coordinazione, è stato una macchina perfetta e ha firmato il punto della vittoria. Verona ha avuto una migliore ricezione, è stata più efficace in battuta e nel contrattacco: insomma ha vinto con le stesse armi di Modena. E ora la classifica vede i veronesi a meno 2 da Modena e a meno 5 da Perugia. Una ripresa incredibile di questa squadra, arrivata alla sesta vittoria di fila. E così in scia della Lube nella classifica di Superlega di pallavolo maschile c’è, o almeno prova a rimanere, solo Trento che si impone per 0-3 sul campo della Revivre Milano. Mai in discussione la partita per gli uomini di Lorenzetti tra i quali si segnalano soprattutto i martelli Lanza e Urnaut autori rispettivamente di 13 e 12 punti. Mazzone dà un turno di riposo a Van De Voorde e non sfigura assolutamente. Ora domenica prossima a Civitanova ci sarà un grande scontro. Una rivincita della coppa Italia. E Trento vuole arrivarci preparata. Più in basso fatica Piacenza contro Latina che cede solamente al quinto set nonostante un grandissimo Fei autore di 17 punti complessivi. Ma anche Vibo Valentia è costretta a lasciare punti per strada contro Padova che viene ripresa due volte e poi viene battuta al tie break. Non è il miglior momento stagionale per la squadra calabrese che però con questo successo conquista la prima vittoria del 2017. Muove la classifica Sora che vince contro Molfetta per 3-1, mentre Ravenna sconfigge Monza e si rifà, anche se parzialmente, della sconfitta agli ottavi di coppa Italia.

Leggi anche:  VNL 2021, concluso il torneo per l'Italia pallavolo femminile: ecco com'è andata
  •   
  •  
  •  
  •