Superlega volley, il programma dell’ultimo turno infrasettimanale

Pubblicato il autore: Marco Roberti Segui

In apnea. La Superlega volley non concede un minuto di tregua ai tifosi e costringe le squadre a un tour de force. Quello che si gioca tra mercoledì e giovedì avrebbe dovuto essere l’ultimo turno di Superlega che però è stato anticipato ora per spalmare meglio la fase dei playoff. Il calendario della post season è stato svelato, ma ci sono ancora da giocare due partite che non sono banali e che potrebbero portare a nuovi scossoni in classifica. Paradossalmente quello che è il big match del turno, potrebbe anche essere ininfluente in termini di graduatoria. Il posticipo della dodicesima giornata di ritorno di Superlega Volley sarà infatti tra Civitanova e Modena. La Lube la settimana scorsa ha conquistato il primato matematico nella regular season(con il conseguente miglior sorteggio, almeno inizialmente, ai playoff e l’accesso già sicuro alla prossima Champions League) con la vittoria per 3-2 in trasferta a Verona. Modena ha invece perso contro Trento in una sfida che poteva rilanciare le ambizioni dei gialloblu per il podio e ora invece le ha definitivamente frustrate. Anzi i ragazzi di Tubertini, uscito sconfitto dal confronto di domenica contro il suo amico e mentore Angelo Lorenzetti, devono guardarsi le spalle dall’attacco di Verona. I maggiori stimoli di Modena per mantenere la propria posizione potrebbero avere la meglio. Anche se non è da sottovalutare la voglia di rivalsa di Civitanova dopo la sconfitta dell’andata. In più Modena ha mostrato delle fragilità a livello caratteriale che bisogna risolvere in fretta: ora o mai più. Dietro i cucinieri lottano a distanza per il terzo posto Trento e Perugia. Perugia affronterà la seconda trasferta consecutiva, questa volta contro Milano. I ragazzi di Bernardi dopo la vittoria contro Latina hanno ritrovato un Zaytsev, assente nelle precedenti due partite capace di trascinare la squadra nei momenti più complicati. E il fanalino di coda Revivre Milano, ormai quasi certamente condannato all’ultimo posto in Superlega, non sembra un ostacolo complicato da superare per la Sir. Al Palaolimpia di Trento arriverà Molfetta che dopo la vittoria contro Monza ha ancora acceso un lumicino di speranza di agganciare l’ottavo posto e i playoff. Sabbi e compagni dovranno recuperare però ben 4 punti a Ravenna. E il campo della Diatec è impraticabile per qualunque squadra: qui Lanza e compagni conoscono solo la vittoria. E dopo il netto successo di Modena c’è da immaginare che vogliano ripetersi. Verona invece sogna la rimonta sul quarto posto, distante solo tre punti e questo potrebbe essere un turno favorevole per l’aggancio. Contro Padova in casa Grbic si aspetta una gran prova da tre punti dei suoi. Il terzo e il quarto set di Verona contro Civitanova nell’ultima giornata di Superlega hanno dimostrato di che pasta è fatta la squadra. Kovacevic ha il braccio caldo e Randazzo(4 aces nell’ultimo match) è un valore aggiunto. Dietro come sempre interessante la lotta per l’ultimo posto ai playoff. Siamo arrivati al primo dei due scontri diretti di Vibo: in Calabria arriva Latina. Entrambe le formazioni arrivano da due sconfitte, sebbene molto diverse. La Tonno Callipo viene dal pesante ko contro Sora, mentre la Top Volley si è battuta con onore contro Perugia che alla fine si è dimostrato più forte. I padroni di casa sono in piena fase calante, mentre gli ospiti stanno scavando dal fondo delle loro risorse facendo un bel girone di ritorno. Fei e Maruotti trascinano la squadra che in questa coda di Superlega potrà contare su Quintana, enorme centrale cubano che nell’ultimo match da subentrato ha messo a terra 5 punti su 6 attacchi. Le due squadre hanno estrema necessità dell’intera posta in palio. Perché entrambe sono staccate di tre lunghezze dall’ottavo posto occupato in questo caso dalla Bunge Ravenna che va in trasferta a Sora appunto. L’Argos Volley sta finendo la stagione senza mollare e le ultime partite raccontano di una squadra orgogliosa e pronta a lottare su ogni pallone. Miskevich nell’ultima gara ha fatto 31 punti e anche senza De Marchi i laziali giocano bene sotto la guida di capitan Rosso: nulla è scontato; ma Ravenna è in crescita ed è determinata a concludere la stagione all’ottavo posto. Hanno poco ormai da chiedere a questa regular season invece sia Piacenza e Monza, sicure dei loro rispettivamente sesto e settimo posto.

Leggi anche:  Nazionali pallavolo: novità sulla panchina maschile con De Giorgi, conferma di Mazzanti su quella femminile
  •   
  •  
  •  
  •