Superlega volley, luci a Verona e Trento

Pubblicato il autore: Marco Roberti Segui

Sarà sull’Adige il baricentro dell’undicesima giornata di ritorno di superlega volley: tra Verona e Trento si giocheranno infatti due partite importanti per i piani alti della graduatoria. Si prevede spettacolo al Palaolimpia dove la BluVolley ospiterà la capolista Lube. Visti gli ultimi risultati in campionato e in coppa, la marcia degli uomini di Blengini sembra inarrestabile e destinata a schiacciare tutti sotto i cingoli fino alla vittoria finale. Però il turno infrasettimanale in Champions League ha dimostrato che se Civitanova allenta la tensione, rischia di lasciare qualche punto di troppo agli avversari. E, dato il primato praticamente conseguito nella regular season, ciò potrebbe accadere. Sarà difficile che si ripeta un massiccio turn-over come contro il Liberec: ci saranno, e nel momento migliore di forma, Sokolov, Juantoreina e Christenson. Ma Verona lo sa e arriva anche lei in un momento molto positivo: nelle ultime 8 partite la squadra di Grbic(che ieri ha annunciato il suo rinnovo di contratto) ha raccolto 6 vittorie e 1 sconfitta. Baranowicz è un giocatore ritrovato e Randazzo il classico ex che può fare male. Sono attese scintille e colpi di scena: e per una volta il risultato potrebbe non essere scontato. L’altra gara impronosticabile è quella tra Trento e Modena. I gialloblu hanno ritrovato le vittorie che servivano per il morale dopo l’addio di Roberto Piazza e si trovano a un banco di prova importante soprattutto in ottica playoff: bisogna dimostrare che, a poche settimane dall’inizio della seconda fase l’Azimut è tornata a far paura e vuole difendere il titolo. Di fronte c’è Trento che si è fatta recuperare al secondo posto da Perugia, ma è andata avanti in CEV Cup. La semifinale di coppa Italia riacciuffata nel finale e poi ribaltata dalla Diatec costituisce un precedente importante e molto doloroso per gli ospiti che vogliono vendicarsi sportivamente. Ma sarà anche la sfida tra Angelo Lorenzetti e Lorenzo Tubertini con quest’ultimo che ha elogiato il collega sulla panchina di Trento e lo ha ringraziato per le opportunità che gli ha concesso(l’anno scorso Tubertini era il secondo di Lorenzetti proprio a Modena). E l’allievo, in questo caso, vuole superare il maestro. Chi vuole approfittare delle sfide incrociate è Perugia che andrà in casa di Latina. Il pronostico pende decisamente a favore degli umbri, ma non bisogna sottovalutare le ambizioni della squadra laziale che ha bisogno di punti per credere nell’obbiettivo playoff di superlega volley. Fei è nel suo momento migliore e, oltre al titolo di MVP contro padova della scorsa settimana, ha una media di 20 punti a partita nelle ultime giornate. Il girone di ritorno dei neroblu è stato un continuo crescendo e se al termine del girone d’andata la squadra di Bagnoli era tredicesima(esclusa anche dalla coppa Italia) ora può a ragione aspirare un posto alla seconda fase della superlega volley. Un cliente tutt’altro che arrendevole per i ragazzi di Lorenzo Bernardi che hanno un po di amaro in bocca per la sconfitta, anche se indolore, subita in Belgio in Champions Leauge. Atanasievic e De Cecco sono rimasti addirittura a Perugia, mentre Zaytsev non è entrato: domenica sera al Palabianchini saranno però tutti in campo. E così uno tra Russel e Berger si dovrà fare da parte; e non sarà semplice scegliere. Nella lotta per acciuffare l’ottavo posto saranno impegnate anche Ravenna e Vibo. In ordine cronologico i primi a scendere in campo saranno gli uomini di Soli. Contro Milano infatti la Bunge Ravenna scenderà in campo sabato sera con l’obbiettivo di ripetere la straordinaria prestazione fatta contro Piacenza. Poi domenica spazio alla Tonno Callipo che se la vedrà con Sora. All’andata fu un match lunghissimo ed estremamente combattuto e prevalse Sora in rimonta. Ma questa sarà tutta un’altra sfida; anche se c’è da giurare che Rosso e compagni non si faranno certo da parte. Vibo però ha bisogno di una vittoria per uscire da un periodo complicato e tentare di prendere qualche punto alle dirette concorrenti. Piacenza è invece molto tranquilla e affronterà Padova sicura del suo sesto posto. Hernandez è stato fatto riposare nel terzo set di CEV cup e ora i suoi colpi potranno essere fatali per la Kioene che nel girone di ritorno ha vinto soltanto una volta. Spazio infine a MonzaMolfetta che potrebbe essere un sfida tra Fromm e Sabbi. Tutti e due schiacciatori provetti, tutti e due capaci di cambiare il corso del match

Leggi anche:  Allianz Powervoley Milano: Perugia - Milano 3 - 1

  •   
  •  
  •  
  •