Superlega Volley: nel turno infrasettimanale bisogna ballare per non cadere

Pubblicato il autore: Marco Roberti Segui

Guai a chi si ferma in Superlega(fonte foto: pagina facebook ufficiale Lube Volley)

Penultimo turno infrasettimanale della Superlega di volley maschile. Neanche il tempo di respirare e prendere il fiato dopo l’intensa domenica pallavolistica che tutte le squadre di superlega tornano ad incontrarsi. L’osservata principale è ovviamente la Lube Banca Marche che dopo la vittoria di Perugia si trova a +6 sulla più diretta inseguitrice e sembra veramente inarrestabile. Gli uomini di Blengini affronteranno una squadra interessantissima: la Bunge Ravenna di Fabio Soli, composta da giocatori giovani, ma già capaci di prestazioni convincenti. Accattivante sarà la sfida tra i registi Christienson e Spirito, come quella tra opposti Sokolov e Torres: Civitanova parte favorita e di gran lunga, ma Ravenna non viene a fare da sparring partner. Per la capolista sarà la prima di un dittico di gare importanti da giocare in casa. Infatti domenica arriverà Trento. Ma già andiamo troppo in là, perché gli uomini di Lorenzetti hanno sulla loro strada un ostacolo ostico. Ospiteranno infatti la squadra più in forma del campionato, ossia Verona che è reduce da 6 vittorie consecutive, ultima delle quali, netta, contro Modena, e vogliono continuare il filotto. Djuric ha il braccio caldo, come Randazzo e Kovacevic. La Diatec invece, reduce dal 3-0 inferto a Milano ha dalla sua un grande Lanza che in questa fase sta trascinando la squadra. Tornerà, da avversario, Nikola Grbic, ora sulla panchina della Blu Volley, ma in passato giocatore di Trento con cui vinse il suo primo titolo italiano di Superlega nel 2007.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, Monza vince ancora ma c'e' una notizia non buona

SuperLega Volley. Gli altri match di mercoledì 8 febbraio

La sfida tra deluse dall’ultimo turno è invece Molfetta contro Perugia. Le critiche in casa Sir non sono state tenere e sono state per tutti. Atanasievic, Zaytsev, De Cecco; nessuno è stato risparmiato. Ora la squadra di Bernardi, deve ritrovare il passo migliore dopo due sconfitte di fila e il gioco spettacolare che la contraddistingueva fino a poche settimane orsono. Sabbi e compagni sono stati rimontati nell’anticipo del venerdì da Sora, in una partita che li ha visto troppo fiacchi nei momenti salienti del match; e queste ultime partite saranno fondamentali per definire l’ingresso nei playoff. Due squadre che ci saranno sicuramente saranno Modena e Monza, che si affrontano nel brianzolo. Rischia l’Azimut che è reduce dalla dolorosa sconfitta di Verona ed è alle prese con un momento delicato. Se ne è andato Piazza, se ne è andato anche Cook ieri, e ora la squadra potrebbe pericolosamente traballare. E il calendario di Modena non è dei più agevoli negli ultimi turni.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, Conegliano ok a Trento e ora testa alla Champions

C’è poi un Vibo ValentiaLPR Piacenza in terra piacentina tutto da seguire(e sarà trasmesso da Rai Sport): entrambe le squadre hanno potenzialità ma sono discontinue; nell’ultimo turno hanno faticato vincendo per 3-2, ma lo spettacolo è assicurato con Kadu nel campo della Tonno Callipo in costante crescita e Hernandez, opposto dalle qualità incredibili. Derby tutto in famiglia tra Latina e Sora. Oltre al derby tutto laziale, ce n’è anche uno più personale con gli allenatori che sono i fratelli Bagnoli: Daniele per la Top Volley e Bruno per la Biosì. Quest’ultima dopo la vittoria contro Molfetta di venerdì è certo in fiducia, ma dovrà rinunciare a De Marchi che si è fatto male, ma ritroverà il centrale Mattei. Chiude il turno la sfida tra le ultime della classe: Milano e Padova; una sfida per non rimanere fanalino di coda.

  •   
  •  
  •  
  •