Coppe europee volley: Trento ipoteca la qualificazione, Lube prima nella pool

Pubblicato il autore: Marco Roberti Segui


Volley. Mercoledì 1 marzo con l’ultima tornata dei gironi di Champions League e l’andata dei quarti di finale di CEV cup  con ben 5 squadre italiane, quasi equamente distribuite, impegnate sui due fronti. Ecco come è andata.

La vittoria più importante per quanto riguarda la Champions League l’ha conquistata la Lube che, in casa, ha schiantato con un secco 3-0 Berlino. I tedeschi arrivavano nelle Marche da primi nel girone e speravano di confermare la loro posizione. Ma la squadra di Blengini, pur rimaneggiata in diversi elementi (Cebulj e Cester in banda e al centro, Pesaresi dentro in seconda linea in alcuni spezzoni del match) ha agevolmente chiuso la pratica in tre set. MVP della gara proprio quel Cebulj che dovrebbe essere una riserva, ma che con 7 aces all’attivo conferma di essere una risorsa fondamentale da poter giocare in qualsiasi momento. Continua poi lo straordinario momento di forma di Sokolov e così Civitanova riscatta la sconfitta dell’andata proprio contro Berlino(unico stop in campo europeo) e ritorna a vincere dopo la sconfitta, indolore, nell’ultima di regular season contro Molfetta.

Leggi anche:  Volleyball, polemica razzismo e la Fivb indaga sulla vicenda Ngapeth-Heynen/Kubiak

Successo molto più platonico per Perugia(che, ricordiamo nuovamente, è già matematicamente qualificata per le Final Four in programma a Roma) contro Ankara. De Cecco è stato realmente l’uomo in più della Sir. Le sue magie in palleggio per una volta sono passate in secondo piano rispetto a quello che ha fatto in difesa. Bernardi ha scelto, almeno inizialmente. di non risparmiare nessuno per la gara contro il fanalino di coda della pool. Primo set appannaggio degli ospiti. Ma poi quando si scalda Atanasjevic è impossibile da fermare: 20 punti per il serbo che è il giocatore più volte a referto. Buone anche le gare di Zaytsev e di Russell che è in continua crescita e nei playoff dà la sensazione di poter essere sempre titolare.

Leggi anche:  Volleyball, polemica razzismo e la Fivb indaga sulla vicenda Ngapeth-Heynen/Kubiak

Stop casalingo, ma indolore per Modena, che perde al tie break contro Lubiana. Tubertini è in emergenza e senza Petric deve affidarsi ai fratelli Ngapeth. Oltre a Ervin (che colpo il suo nel primo set quando mette a terra un punto schiacciando praticamente dalla zona panchine), c’è Swan che si rivela con 19 punti top scorer dell’Azimut. Modena non gioca però bene e in vista della prossima sfida di campionato di domenica prossima deve migliorare in molti aspetti.. Il primo posto consente, tuttavia, di sperare in un sorteggio più abbordabile.

Gran vittoria di Trento che sconfigge nettamente, 0-3, in trasferta Piacenza, nel derby tutto italiano dei quarti di finale di CEV cup. La squadra di Lorenzetti supera quella di Giuliani in tutti i fondamentali. Hernandez è irriconoscibile e il tecnico della LPR è costretto a toglierlo nel terzo set. Dall’altra parte bene Stokr e i martelli, tutti in doppia cifra. La vittoria in trasferta è molto pesante e consente alla Diatec di giocare il ritorno in casa con molta più tranquillità: basterà infatti vincere 2 set per assicurarsi il passaggio del turno. Piacenza dovrà, invece, vincere nettamente a Trento, dove è mai passato nessuno in questa stagione. Una vera e propria montagna da scalare.

  •   
  •  
  •  
  •