Superlega volley: Ngapeth mostruoso e Modena si porta a casa gara 2

Pubblicato il autore: Marco Roberti Segui


Moto d’orgoglio di Modena che espugna Verona vincendo gara 2 all’AGSM Forum. Nel momento più difficile della stagione a soli 3 set dalla clamorosa uscita dai playoff di Superlega volley già ai quarti di finale, con lo scudetto quasi cucito sul petto, l’Azimut tira fuori una prestazione che mette in mostra le grandi qualità e le tante aspettative che ci sono intorno alla squadra di Tubertini. Verona invece è entrata subito in partita ed è stata aggressiva all’inizio del primo parziale. Ha soffocato Modena grazie a un Djuric ancora immarcabile(ma in calando nel corso di un match che chiude al 45%), ma quando gli ospiti si sono scrollati di dosso la tensione e hanno cominciato a giocare meglio, ecco che sono apparsi i limiti, soprattutto caratteriali degli uomini di Grbic.

Il primo set è stato emblematico. Ottima partenza della Blu Volley avanti nel punteggio per 7-5 che continua a premere sull’acceleratore anche con Kovacevic. I due aces di Le Roux nei suoi turni di battuta sono essenziali per mantenere Modena in scia. E gli ospiti recuperano piano piano terreno. Tubertini fa entrare Travica in prima linea al posto di Orduna che si accomoda in panchina(e ci rimarrà fino al terzo set) e il palleggiatore italiano disputa un’ottima gara variando la distribuzione con efficacia. Ngapeth poi ci mette molto del suo: le palle finali, quelle decisive vengono schiantate tutte a terra dal francese e il set viene chiuso sul 23-25 grazie a un gran finale dell’Azimut che sorpassa Verona nelle ultime curve. Il secondo set è più a marca Modena sin dall’avvio. Randazzo soffre in ricezione in attacco e Grbic decide di tirarlo fuori per inserire Lecat(che entra bene soprattutto in difesa, ma conclude poco in prima linea). Ngapeth intanto è mostruoso: solamente a metà set sporca la sua limpida percentuale del 100% in attacco. Dall’altra parte Anzani tiene su Verona grazie ai suoi attacchi(6 in tutto con il 100% di efficacia) e grazie al suo muro che riavvicina la Blu Volley. Ma ancora una volta nel momento decisivo del set Modena piazza l’allungo decisivo che coglie Verona impreparata. La partita diventa spettacolare e gli scambi si allungano con difese e attacchi a iosa. Su uno di questi sono straordinari i giocatori di Modena con Rossini che recupera disperatamente un pallone e Ngapeth che lo attacca dalla seconda linea in maniera precisissima. Stesso schema della chiusura del set con il francese in piena trance agonistica che prende un lembo della manica di Kovacevic e si prende il punto decisivo.

Leggi anche:  Cev Cup pallavolo femminile, domani parte la bolla di Monza: tutti i dettagli

Nel terzo set l’errore in apertura di Djuric è il preludio a un set difficile per l’opposto veronese che non viene servito molto. Sale invece la prestazione dell’altro opposto, Luca Vettori, che, se fino a quel momento era stata sotto la sufficienza, ora si risolleva. Nella fase iniziale del set oltre a due attacchi risolutori è il suo turno in battuta a far scavare un vantaggio importantissimo a Modena: due aces e altre due battute che mettono in crisi la ricezione di casa per lui. Poi però l’Azimut cala, Travica diventa più impreciso nelle alzate e la Blu Volley mette in campo la grinta chiesta da Nikola Grbic. Si avvicina Verona fino ad arrivare al pareggio. Ma Modena tira fuori la grinta e piazza l’allungo decisivo coronato da un ace di Ngapeth che lo consacra migliore in campo e sottolinea ancor di più le difficoltà in ricezione di Randazzo e compagni che, già c’erano state a Modena, ma oggi sono state ancor più evidenti.
Modena ha giocato decisamente meglio e ha mostrato tutte le sue qualità. Verona è sembrata intimorita e non si è più ripresa. Grbic le ha provate tutte mischiando le carte in tavola ma con scarso successo. Si salva invece Tubertini che può contare su un mostruoso Ervin Ngapeth, un buon Petric e su un Travica che ha fatto vedere le sue qualità e la sua intesa in particolare con i centrali(in particolare Holt si è giovato della sua vicinanza). La gara è più che mai aperta: e gara 3 sarà una battaglia all’ultimo respiro per capire chi andrà in semifinale a sfidare Civitanova.

  •   
  •  
  •  
  •