Volley, Ivan Zaytsev ospite a “E poi c’è Cattelan”

Pubblicato il autore: Morgana Corti Segui


Prima delle Olimpiadi di Rio era conosciuto solamente dagli appassionati di volley, ma dopo l’impresa contro la Nazionale Americana è diventato l’idolo di molti ragazzi, stiamo parlando di Ivan Zaytsev soprannominato da tutti lo Zar.
Zaytsev
di colpo si è ritrovato ad essere cercato da numerosi programmi televisivi : prima ha partecipato al programma condotto da Simona Ventura : Selfie tutto può cambiare, invece nella giornata di ieri è stato invitato da Alessandro Cattelan a partecipare al noto programma d’intrattenimento EPCC.
Proprio nella puntata di ieri 30 marzo lo Zar si è seduto alla scrivania del programma ed ha risposto alle numerose domande che Cattelan gli ha posto.
Una di queste riguardava le vacanze e Zaytsev ha così risposto ” Viaggiamo molto con la squadra, ma in realtà non c’è mai tempo per riposarsi. Non faccio una vacanza vera e propria dal 2013, quando sono andato per ben 16 giorni in viaggio di nozze con mia moglie Ashiling. Diciamo che sono impegnato 350 giorni l’anno, abbiamo giusto 3/4 giorni di pausa per le vacanze natalizie e 7/8 giorni per le vacanze estive”, Cattelan allora ha chiesto cosa faceva quando era in vacanza e la risposta è stata divertente ” Nulla. Non faccio veramente nulla, mi rilasso e mi godo quei giorni di riposo”.
Cattelan ha poi continuato :Ti chiamano lo zar perché sei di origini russe, ma vivi a Roma e giochi in Umbria, ma ti senti russo?
” In realtà mi sento italiano al 300%. Si sono russo ma ho sempre vissuto qua in Italia, lo so parlare abbastanza. ”
successivamente si sono intrattenuti in un gioco divertente dove con il traduttore di google dovevano parlare in russo.
In tutto la puntata è durata circa 10 minuti e alla fine Cattelan ha trasformato lo studio in una pista da ballo per far tornare “giovane” lo Zar e ricordargli com’erano i tempi in cui si poteva ancora andare in discoteca.

Leggi anche:  Olimpiadi pallavolo femminile, Malinov chiede la fiducia dei tifosi

  •   
  •  
  •  
  •