Aspettando le final four di Champions League volley: Recycling Berlino a caccia di un sogno

Pubblicato il autore: Marco Roberti

Un allenatore italiano, una squadra che non molla mai e un sogno da rincorrere: la Recycling Berlino è giunta a Roma dopo aver disputato una Champions League volley fatta di grandi rimonte e vuole dimostrare di non essere arrivata alle final four per caso. Roberto Serniotti, mister made in Italy(con un passato nel bel paese a Cuneo, Roma e Trento fra le altre) ha evidentemente inculcato alla sua squadra la mentalità vincente e, soprattutto, una tenacia incredibile. Che i tedeschi non fossero una formazione facile da affrontare se ne era già accorta Civitanova che in Germania perse 3-1 nelle prima giornata dei gironi di Champions League volley. Quella Lube non aveva ancora trovato un perfetto equilibrio di squadra, è vero, ma quella partita fece capire la caratura di Berlino. Poi nei gironi il primo posto sfumò a causa del ritorno nelle Marche con la squadra di Blengini che conquistò un successo utile per il primato e per avere un sorteggio più favorevole ai playoff. Nei gironi ci sono state le ottime prove dell’opposto Ter Maat, il maggior realizzatore dei tedeschi. Sul più completo filo dell’equilibrio le gare dei playoff. I ragazzi di Serniotti nei playoff 12 pescano i turchi dell’Istambul. In trasferta c’è una sconfitta per 3-2. In casa sembra andare tutto male perché prima gli ospiti vanno avanti di due set, ma poi c’è la rimonta teutonica guidata da un grande Kromm. Il risultato viene ribaltato e il golden set vinto e così si arriva ai playoff 6 dove ci sono i russi della Dinamo Mosca. L’inizio in Germania è da horror con la Dinamo che vince i primi due set. Ma la Recyling non molla e strappa una fondamentale vittoria per 3-2. E a Mosca non sono da meno con una battaglia che vede Berlino vincere il primo set per 35-37, i padroni di casa rimontare, ma poi ancora i tedeschi prevalere al quinto set. In due partite l’opposto Carroll fa 51 punti, seguito da Kromm con 39. Così si presenta Berlino alle final four: una squadra solida ed esperta. Da tenere d’occhio ci saranno anche i centrali Okolic e Vigrass che insieme hanno totalizzato 29 muri nei playoff. In patria invece è in finale scudetto, anche se in gara 1 c’è stata una pesante sconfitta contro VfB Friedrichshafen(e le finali sono al meglio delle tre gare). Nella semifinale contro Kazan partono sicuramente sfavoriti, ma come visto ribaltare i pronostici e le partite non è un problema. Ci si aspetta una partita apertissima con i tedeschi che in Champions sono al massimo arrivati terzi. E ora rincorrono un sogno chiamato Champions League.

Leggi anche:  Italia-Giappone, streaming gratis e diretta Rai Sport o Sky? Dove vedere Mondiali volley
  •   
  •  
  •  
  •