Volley, a Piacenza si è festeggiato il Papi e Zlaty Day

Pubblicato il autore: Morgana Corti Segui

Foto presa da sport piacenza

La gara di domenica 9 aprile tra Piacenza e Latina non è stata solo la partita che metteva in palio il passaggio alle semifinali dei play off Challenge Cup, ma anche una piccola gande festa per due leggende della pallavolo italiana che hanno annunciato il proprio ritiro a fine stagione: stiamo parlando di Samuele Papi e Hristo Zlatanov.

Si ritirano due campioni che detengono numerosi record : Zlatanov che a quasi 41 anni (per gli amici Zlaty) ha il maggior numero di premi come MVP tra Regular season e Play off ed è il miglior realizzatore nella storia del volley italiano, poi c’è Papi, che invece di anni ne ha ben 43, è il giocatore più medagliato alle Olimpiadi ( 4 medaglie) ed ha il record di presenze nel campionato italiano.

Leggi anche:  Allianz Powervoley Milano: Perugia - Milano 3 - 1

Al PalaBanca, precisamente alle 17.57, il consueto riscaldamento pre partita è stato interrotto per un tributo nei confronti dei due giocatori che hanno affrontato l’ultima partita di fronte al proprio pubblico. In circa mezz’ora la società biancorossa ha cercato di riassumere gli ultimi 25 anni della pallavolo italiana e sono intervenuti diversi e numerosi ospiti per omaggiare le carriere straordinarie di questi due grandi campioni: Giani, Fei, Tencati, Galli,  Federica Lisi moglie del campione Vigor Bovolenta, il presidente Bruno Cattaneo ed altri ex compagni come Simon, Nikola Grbic , Sergio, Davide Marra, Meoni, Pistolesi, Paolini.


A Papi portano a turno le maglie di un’incredibile carriera che è partita da Falconara ed in regalo dall’a.d. Pighi un quadro che lo rappresenta nel centro di Piacenza mentre per Zlatanov il presidente Morinaroli e l’a.d. Pighi sono entrati in campionato con la maglia numero 11, che la società emiliana ha ritirato, nessuno potrà più vestire quella maglia che è stata per ben 14 stagioni del capitano.
Alla fine un grande applauso da tutto il palazzetto, tifosi avversari compresi, per ringraziarli per questi anni di amore e passione per la pallavolo, ma anche per essere stati d’esempio per molti giovani atleti e sicuramente lo saranno anche per le future generazioni.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, serataccia per Brescia, ecco cosa è successo

Successivamente c’è stata la partita valida per l’accesso alle Final Four dove in palio c’è un posto per la Challenge Cup (terza coppa europea),  la LPR vince per 3-1 contro Latina e conquista le semifinali dove potrà incontrare una tra Monza e Molfetta (la sede delle final four non è ancora definita, ma si giocherà il 22-23 aprile).

  •   
  •  
  •  
  •