Volley Serie B1 femminile – L’Ambrovit Garlasco scatena la tempesta perfetta

Pubblicato il autore: Roberta Scarpante Segui

Sembrava già grande la vittoria di una settimana fa quando Ambrovit Garlasco era andata a vincere sul campo dell’Albese firmando la matematica salvezza, ma, evidentemente, avere la testa libera ha giovato tantissimo alle lomelline che confezionano una grande vittoria contro la capolista Lodi. Garlasco scende in campo con Nicchi al palleggio, Caroli e Arapi centrali, con quest’ultima preferita a Rivetti, Cagnoni e Bosetti in attacco, Cozzi opposto e Bonvicini libero. La partenza è buona per Ambrovit che cerca da subito di sorprendere le avversarie forzando il servizio e variando molto il gioco. Avanti 8-4 alla prima sosta tecnica, Garlasco non si ferma e gioca d’astuzia contro l’imponente muro lodigiano portandosi sul 13-6 con un ace di Arapi e poi sul 16-9 alla seconda sosta tecnica. La ricezione gira bene  e questo consente a Garlasco di prolungare gli scambi, innervosendo Lodi abituata a chiuderli molto più rapidamente. Garlasco arriva ad avere addirittura 8 punti di vantaggio (22-14), ma Lodi si scuote e inizia a giocare la sua pallavolo, sbagliando praticamente nulla e recuperando fino al 24-22, ma Ambrovit resiste e chiude 25-22 il primo set. Alla ripresa del gioco è logico attendersi la reazione della capolista che, dopo una partenza ancora favorevole a Garlasco (8-6), scatena i contrattacchi di Decortes e ribalta il risultato andando sul 13-16 alla seconda sosta tecnica. Ambrovit inizia, però, a prendere le misure agli attacchi avversari e a sporcare a muro i tentativi di Bruno e compagne. Caroli e Cozzi riescono nell’intento di rispondere colpo su colpo agli attacchi delle pari ruolo avversarie e grazie alle grandi difese della stessa Cozzi e di Bonvicini, Garlasco si riavvicina e con un ace di Arapi sorpassa sul 22-21 Inizia la fase calda e si viaggia punto a punto (23-23, 24-24, 25-25, 26-26) fino a quando, raggiunti i vantaggi, la mente lucida aiuta le padrone di casa a chiudere il secondo set per 28-26.

Leggi anche:  Allianz Powervolley Milano: Piano e compagni tornano alla vittoria contro Modena 3 - 2

A questo punto la sensazione è quella di aver già fatto qualcosa di grande, obbligando la capolista a rincorrere nel punteggio ed essendosi garantiti almeno un punto. Lodi adesso deve necessariamente giocare la sua miglior pallavolo per reagire e ribaltare una gara che la vede pesantemente in svantaggio, ma ancora una volta sono le lomelline a partire meglio e a portarsi avanti 8-4 con un attacco di Bosetti da seconda linea. Al rientro in campo, però, Lodi gioca la sua miglior pallavolo di tutta la serata lasciando pochissime chance a Garlasco. Sono sempre Decortes e i centrali a fare la differenza sia in attacco che a muro, mentre Ambrovit perde lucidità e si innervosisce (arriva anche un cartellino rosso per Cagnoni per proteste). 12-16 alla seconda sosta tecnica, ma la sensazione è che, nonostante il vantaggio, Lodi non riesca a staccare definitivamente Garlasco che prova la rimonta prima con un ace di Bosetti e poi con un muro di Cozzi (18-19). Due errori gratuiti rilanciano le lodigiane sul 19-21 e di li a poco riescono ad accorciare le distanze nel computo dei set con il parziale di 22-25. Far rientrare in partita una corazzata come quella lodigiana, rischia di rivelarsi molto dannoso, ma, il valore tecnico di Lodi resta indiscutibile. Partono forte le ospiti che mantengono un vantaggio di  2/3 punti fino alla seconda sosta tecnica alla quale si arriva sul 14-16. Garlasco accusa la fatica e non dà l’impressione di avere la forza per una nuova reazione. Ma in questi casi la testa può fare la differenza e, infatti, facendo ricorso a chissà quali risorse fisiche, Ambrovit, punto dopo punto, si riavvicina alle avversarie. Ace di Arapi per il 19-21 e altro ace di Bosetti per il 23-23 fanno andare in tilt la formazione ospite che, in men che non si dica, si ritrova da un +3 al dover concedere un match point sul 24-23 Garlasco. Al servizio va Bosetti, la ricezione non è impeccabile e, dopo una palla contesa da Caroli e Nicolini, la stessa viene alzata a Cagnoni che, invece di forzare l’attacco, beffa il muro avversario con un pallonetto e firma il definitivo 25-23.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, finalmente una bella notizia per Trento

Si chiude così, con un risultato tanto sorprendente quanto meritato, una partita giocata a viso aperto dall’Ambrovit Garlasco che, senza nessun timore reverenziale, ha battuto una squadra costruita per vincere il campionato. Questa sera hanno funzionato al meglio tutti i fondamentali, dalla ricezione al lavoro a muro, dal servizio alla difesa e tutto ciò ha permesso di realizzare una grande impresa. Nonostante tutto questo, sicuramente, ha giocato un ruolo fondamentale la testa delle giocatrici che, libere da ogni preoccupazione hanno regalato al pubblico accorso a vedere la partita, una prestazione da incorniciare. Con questo spirito, Garlasco si appresta ad affrontare le ultime tre fatiche del campionato a cominciare, dopo la sosta per le festività Pasquali, dalla trasferta a Lurano, gara in programma Sabato 22 Aprile alle ore 21.

  •   
  •  
  •  
  •