Grand Champions Cup: Una Super Italia batte anche gli Stati Uniti e vince la medaglia d’Argento!

Pubblicato il autore: Morgana Corti Segui

I ragazzi dell’Italia festeggiano insieme dopo la vittoria contro gli Stati Uniti

Nell’ultima partita della Grand Champions Cup l’Italia ha battuto per 3-1 gli Stati Uniti aggiudicandosi così un posto sul podio finale del torneo. Dopo le bruttissime prestazioni in World League e all’Europeo la squadra di Blengini sembra aver ritrovato il giusto spirito di gruppo e la concentrazione per battere anche le squadre “favorite” alla vittoria di questo torneo; l’unico rimpianto forse è la gara inaugurale con l’Iran, dove gli azzurri hanno subito l’unica sconfitta del torneo, ma comunque tra alti e bassi sono riusciti a vincere 4 partite su 5.
La partita di oggi non è stata semplice per gli azzurri, gli americani sono quasi al massimo della loro forma ed è diventata più difficile a livello mentale dato che per aggiudicarsi un posto sul podio dovevano battere per forza gli USA e nello stesso tempo sperare in un buon risultato nella partita tra Brasile e Giappone ( Gara vinta dal Brasile per 3-0). Una partita dominata tecnicamente nei primi due set, un blackout nel terzo parziale che ha fatto si che gli Stati Uniti rientrassero in gara ed infine il quarto set vinto con la grinta e il cuore dato che le gambe e la forza iniziavano a mancare a causa delle numerose gare ravvicinate. In ogni caso il torneo si è concluso nel migliore dei modi e i nostri ragazzi sono riusciti a riscattarsi conquistando un favoloso secondo posto e ben 125 mila euro.

Leggi anche:  Volley A1, Bartoccini Fortinfissi, Britt Bongaerts: "Perugia mi sembra meravigliosa"

LA PARTITA- Italia vs Stati Uniti ( 25-22;25-22;23-25;29-27)

Il primo set ha visto entrambe le Nazionali entrare in campo determinate a portarsi a casa la vittoria. L’Italia ha giocato un buonissimo primo set, punto a punto con gli avversari fino al 12 pari poi l’allungo decisivo degli azzurri che con grandi difese ed attacchi sono riusciti a portarsi a casa il primo parziale per 25-22.
Nel secondo set invece l’Italia di Blengini ha dovuto lottare maggiormente per allungare sugli americani, ma sul finale di set gli azzurri non hanno sbagliato più niente e guidati dal solito Luca Vettori si sono portati sul 2-0.
Il terzo set ha visto calare il ritmo gara, gli azzurri sembravano stanchi e gli americani guidati da Matt Anderson hanno approfittato del blackout azzurro per portarsi in vantaggio e chiudere il set sul 25-23 e di conseguenza hanno riaperto il match. Nel quarto parziale si assiste ad un set incredibile tra attacchi e difese strepitose e la partita diventa ancora più emozionante. Gli azzurri riescono a riagganciare gli americani sul 14 pari e poi da qui entrambe le squadre viaggiano punto a punto. Sul finale di set vengono annullati ben 3 set ball agli USA prima che l’Italia riesca ad aggiudicarsi il set e di conseguenza la partita. Alla fine di questo torneo, dopo aver assistito al match tra Brasile e Giappone l’Italia si è classificata al secondo posto, a pari punti con la prima classificata Brasile ma per un set di differenza solamente sul secondo gradino del podio.

Leggi anche:  Allianz Powervolley Milano: segnali positivi dal doppio test contro Modena

Come ogni torneo internazionale anche qui sono stati premiati i migliori giocatori e tra i 7 ci sono anche due italiani: Simone Giannelli ( Miglior Palleggio) e Matteo Piano ( Miglior Centrale); gli altri premi individuali sono andati a Matt Anderson ( Opposto-Usa), Ricardo Lucarelli (Banda-Brasile e MVP), Lucas Saatkamp ( Centrale-Brasile), Ebadipour (Banda-Iran), Ide Satoshi ( Libero-Giappone).
Per quanto riguarda il premio di MVP forse si poteva dare a qualcun’altro, di solito il miglior giocatore è quello che ha fatto più punti di tutti ed il Best scorer del torneo è stato il nostro opposto Luca Vettori con 93 punti, ma probabilmente la FIVB ha scelto di premiare Lucarelli per un altro motivo.

  •   
  •  
  •  
  •