I nuovi nostri: Tommi Siirila, il nuovo gigante di Perugia

Pubblicato il autore: Marco Roberti Segui

Tommi Siirila si prepara a muro(fonte foto: sito ufficiale CEV)

A inizio dello scorso giugno è sbarcato a Perugia un ragazzone finlandese di oltre 2 metri di altezza: si tratta di Tommi Siirila, nuovo centrale della Sir Safety Perugia che ha rinnovato quasi completamente il parco di posto 3 grazie agli acquisti proprio di Siirila, Fabio Ricci e Simone Anzani(unico superstite Marko Podrascanin, che in poco tempo ha conquistato la tifoseria e si è dimostrato uno dei migliori centrali della Superlega) e a causa delle cessioni dei senatori Simone Buti ed Emanuele Birarelli. Se però i due nuovi centrali italiani sono ben noti al pubblico perugino che li ha potuti osservare nelle ultime stagioni di campionato, Siirila è certamente il giocatore che più incuriosisce tutti. Innanzitutto, nonostante la sua pur giovane età, Siirila è nel giro della nazionale maggiore finlandese da diverso tempo. Infatti le prime convocazioni risalgono al 2012, ma entrerà in pianta stabile solo qualche tempo dopo disputando comunque gli Europei del 2013 e i mondiali dell’anno successivo. Anche quest’estate è stata per lui molto intensa: è sbarcato in Umbria solo a inizio settembre, mettendosi subito a disposizione del mister Lorenzo Bernardi. Impegnato con la Finlandia nel gruppo 2 della World League e nell’Europeo, Siirila ha potuto mostrare le sue qualità. Titolare del sestetto scandinavo, ha dato un deciso contributo alle fortune della sua squadra con prestazioni di livello. Tra i migliori della sua nazionale, si possono citare le gare contro la Slovenia di Boban Kovac(con la Finlandia sconfitta, ma lui autore di ben 10 punti con 5 muri), quella contro la Slovacchia(con 12 punti personali e la vittoria per 3-0) e quella con l’Egittto(con altri 10 punti messi a segno). Complessivamente ha fatto 77 punti in 9 partite(quasi 9 punti a match) con 27 muri realizzati(3 a partita, quindi). Poi l’Europeo con al conferma nel sestetto titolare della Finlandia dalla seconda partita in poi(nella prima ha giocato solamente un set). Il livello della competizione è cresciuto, ma lui si è fatto trovare pronto mettendo a terra 18 punti con 5 muri personali nel torneo. A livello di club, invece, Tommi Siirila, viene da una positiva stagione alla squadra francese dell’Ajaccio. L’esperienza in Corsica era la prima lontano da casa, la prima senza la maglia del Kokkolan Tiikertit, squadra con cui ha vinto due campionati nazionali. I risultati sono stati buoni anche con l’Ajaccio: la squadra è infatti stata eliminata alla finale playoff dallo Chaumont, poi campione nazionale. Ora Siirila è pronto all’avventura italiana, sicuramente la più difficile, ma anche stimolante della sua, finora, breve carriera. Dal ritratto che è stato fatto, si può evincere come la sua caratteristica principale sia il muro, fondamentale in cui eccelle. La concorrenza sarà però molto folta: ci sono prima di lui Podrascanin, Ricci e Anzani. Se il centrale serbo è l’unico sicuro del posto da titolare, vista l’esperienza e il carisma di cui dispone, per l’altro posto sono accreditati i due centrali italiani. Siirila al momento parte come outsider. Ma lo stesso Lorenzo Bernardi, al momento del suo acquisto, come riportato dal sito ufficiale del club, ha tenuto a precisare che: “Va a far parte di una reparto centrale di altissimo livello che mi darà possibilità durante l’anno di poter intercambiare gli uomini in campo in una stagione con molte partite da giocare”. Le occasioni per mettersi in mostra, quindi, non mancheranno di certo.

Leggi anche:  Volley, 16° Memorial Arkadiusz Gołaś: secondo posto per la Sir Perugia
  •   
  •  
  •  
  •