La quarta giornata di Superlega volley in 5 punti

Pubblicato il autore: Marco Roberti Segui

1) Percorso netto

Due sono le squadre che, al termine della quarta giornata di Superlega volley, sono ancora a punteggio pieno: Sir Safety Perugia e Azimut Modena. Sono anche le due ovviamente più in forma e che più stanno impressionando. Nella giornata di ieri altre due squadre sono cadute sotto i colpi delle due capoliste. E non erano squadre minori: si trattava rispettivamente della Revivre Milano e della LPR Wixo Piacenza. Milano era reduce da un buon inizio di campionato e non più di 3 giorni fa aveva messo paura alla Lube(che però aveva vinto 3-1), mentre Piacenza era, per stessa ammissione di Stoychev, una squadra ostica per le grandi. ma gli ostacoli sono stati brillantemente superati con un doppio 3-0 che ha lasciato poco spazio all’immaginazione. Tra i perugini si è messo nuovamente in mostra Russell con 18 punti(il migliore dei suoi) e il 67% in attacco, oltre a Max Colaci, MVP della sfida e ormai una certezza nella seconda linea della Sir. Modena sorride invece con l’accoppiata Sabbi-Ngapeth(29 punti in 2) e una squadra che cresce di gara in gara sotto l’attenta regia di Bruno. Perugia e Modena sono le regine di quest’inizio di campionato: così diverse, ma entrambe fortissime.

Leggi anche:  Allianz Powervolley Milano - Kioene Padova 3 - 1

2) Caduta Lube

La sorpresa del turno è certamente il tracollo della Lube Civitanova che perde con un secco 3-0 in trasferta a Latina. I campioni d’Italia l’anno scorso mai avevano subito una sconfitta così netta e pesante.  E il brutto stop  contribuisce a sollevare leciti dubbi sulle condizioni complessive della squadra e sulle sue possibilità di riconferma. Rispetto alla scorsa stagione sembra che ci sia meno freschezza il che si traduce in più errori e minor capacità. Contro Milano, alla lunga, la maggior qualità in battuta aveva spostato gli equilibri in una serata complicata. Nel pomeriggio di ieri la Lube è però mancata anche in quel fondamentale: 0 ace e ben 17 errori dai 9 metri(con Latina che ha avuto il 40% di ricezione perfetta).

3) Savani ha ancora voglia di stupire

Dall’altra parte del campo, a Latina, c’era una squadra, la Taiwan Excellence, che ha giocato veramente bene meritando la vittoria. E in particolare a trascinare i pontini verso una vera e propria impresa è stato Cristian Savani. Classe ’82, a 35 anni il martello italiano ha ancora voglia di stupire. Per lui 10 punti a referto ma sono valorizzati dai 4 ace messi a segno durante il match in soli 3 set. La sua battuta ha spostato gli equilibri, come la sua grinta e la sua qualità. Per compiere grandi imprese servono grandi giocatori, e Savani lo è.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, risultati 11.a di ritorno e classifica: si infiamma la lotta salvezza

4) Ravenna sorpresa iniziale

Alle spalle del duo di testa c’è la sorpresa Bunge Ravenna che, con il netto successo per 3-0 su Sora, si arrampica al terzo posto della graduatoria con 7 punti in 3 partite(c’è ancora da recuperare la gara contro Civitanova, rinviata per un malore purtroppo fatale ad un tifoso marchigiano). In estate Ravenna è cambiata molto con le partenze di Torres, Spirito e Lyneel, sono per citare i più importanti. Il sestetto è stato rivoluzionato, ma le risposte sono buona anche se siamo solo all’inizio. Ieri contro Sora è stato ancora ottimo Orduna che sembra aver trovato la sua dimensione dopo il travagliato anno a Modena; Buchegger poi continua ad attaccare su ottimi livelli(17 punti con oltre il 60% di efficacia che fanno il paio con i 19 punti del turno infrasettimanale contro Trento). E ora a pari punti, ma con una partita in più, c’è proprio la Diatec Trentino, schienata senza appello mercoledì con un secco 3-0.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, risultati 11.a di ritorno e classifica: si infiamma la lotta salvezza

5) Primo successo per Vibo

Arriva nella giornata di ieri anche il primo successo per Vibo Valentia. I calabresi dopo alcuni evitabili scivoloni in casa(il 3-0 contro Padova) e quelli al tie-break(3-2 contro Piacenza) trovano la prima affermazione stagionale in casa di Monza. Il 3-1 finale rispecchia l’andamento di una gara che ha visto prevalere i padroni di casa nel primo set, ma che poi li ha visti calare alla distanza. Decisivo è stato l’ingresso di Presta, così come buono è stato l’apporto di Patch che ha fatto 14 punti, ma che deve ancora migliorare in attacco per rendere ancor più efficaci i suoi colpi. Ora che la squadra di Tubertini si è sbloccata, ci si aspetta un bel campionato.

  •   
  •  
  •  
  •