Superlega volley, la Lube interrompe la striscia vincente di Perugia

Pubblicato il autore: Marco Roberti Segui

 

Fonte foto: sito ufficiale Lube volley

Si interrompe dopo ben 8 vittorie la striscia vincente della Sir Safety Perugia in quest’inizio di Superlega volley. E si interrompe con il risultato peggiore, ma nel campo più difficile, quello della Lube Civitanova, campione d’Itlaia in carica, un titolo a cui la Sir aspira, legittimamente. Gli occhi di tutti gli appassionati di volley erano puntati su questa sfida dai contenuti tecnici eccelsi dalle premesse ottime.

Superlega volley, la partita

Non cambiano niente i due tecnici rispetto alle previsioni della vigilia: nei padroni di casa ci sono Sander e Cester, come accade ormai di consueto, mentre negli ospiti il solito sestetto consolidato è quello che scende in campo. Il livello è già molto alto sin dal primo set nel quale però la Lube riesce a stare sempre davanti. Tre ace per i marchigiani che mettono in difficoltà gli avversari con la loro battuta e riescono con la difesa a tenere palloni da contrattaccare con profitto. Nonostante un Sokolov in difficoltà(33% in attacco nel primo parziale) e un Sander un po’ impreciso, Christenson si consola con il solito dominante Juantorena. La Sir prova a tornare in partita con il muro nel finale di set, ma viene condannata da qualche errore di troppo alla sconfitta per 28-26. Tutt’altra musica ha il secondo set che vede Civitanova portarsi avanti in maniera convincente. Juantorena e compagni fanno presto perdere la proprie tracce e volano in alto. Questo è il set con più gap dei tre(70% a 20% in attacco, 80% a 26% di ricezione positiva, per citare solo due dati) nel quale Perugia non riesce a reagire al gioco spumeggiante della Lube con Sokolov che scalda finalmente il braccio arrivando sui suoi livelli. Torna l’equilibrio nel terzo set nel quale la Sir prova a mettere timidamente la testa avanti. Il break della Lube, iniziato da un ace di Juantorena su Zaytsev, è determinante e consente agli uomini di Medei di portare a casa la gara in soli 3 set.

Leggi anche:  L'Allianz Powervolley Milano vince 3-1 contro Padova ed omaggia la Prima della Scala

Superlega volley, le squadre più forti

Al di là del risultato molto severo(un 3-0 che in apparenza non concede repliche) Civitanova-Perugia non può essere considerato un ridimensionamento degli ospiti o il fallimento della prova di maturità. I ragazzi di Benrardi hanno dimostrato, anche nella Supercoppa vinta, tutte le loro qualità e contenderanno il primato alla Lube fino a fine stagione. Questa partita piuttosto riporta fortemente in auge la candidatura di Civitanova le cui difficoltà di inizio stagione erano state troppo frettolosamente ingigantite. All’Eurosole Forum si sono affrontate le migliori squadre della Superlega, quelle con un livello di gioco superiore a tutte le altre: al momento Trento è distante da e Modena lo fa vedere solo a tratti(quando si accendono Bruno e Ngapeth).

Superlega volley, registi da oscar

I nomi dei sestetti in campo(e anche dei panchinari) presuppongono una qualità eccezionale da parte delle due compagini che infatti non hanno esitato a metterla in mostra. Tra i tanti campioni, però, due sono risaltati maggiormente all’occhio: De Cecco e Christenson. I due registi hanno innescato fin dai primi scambi una partita nella partita a suon di giocate stupefacenti. Alzate a una mano, veloci, precise, imprevedibili: il loro repertorio è pressoché infinito ed eccezionalmente vario. Due autentici fuoriclasse del loro ruolo che fanno girare alla perfezione la loro squadra.

  •   
  •  
  •  
  •