Volley, esonero Beltrami a Filottrano. Parla il nuovo coach Nica: “Sfida difficile, ma affascinante”

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui

esonero beltramiInizia il nuovo corso per la Lardini Filottrono che dopo l’esonero Beltrami ha affidato la squadra al coach Giuseppe Nica, uomo abituato alle imprese impossibili, come quella che lo riguarda a Vicenza 13 anni fa, quando salvò una squadra data ormai per persa.

E’ una bella scommessa, da giocare e provare a vincere. Mi sono messo immediatamente a disposizione della società, per me è un’opportunità importante e ho voglia di mettermi in gioco. Che la situazione sia complicata lo dice la classifica, ma paradossalmente è anche affascinante. In fondo, le imprese più difficili sono quelle che regalano maggiori soddisfazioni. Mi sono messo immediatamente a disposizione della società, per me è un’opportunità importante e ho voglia di mettermi in gioco. Che la situazione sia complicata lo dice la classifica, ma paradossalmente è anche affascinante. In fondo, le imprese più difficili sono quelle che regalano maggiori soddisfazioni. Cercherò di portare l’esperienza maturata in tanti anni vissuti in palestra, provando a trovare la chiave giusta, anche mentale, per far sì che le atlete possano mettere in campo quello che sanno fare. Credo sia stato fatto un buon lavoro fin qui, ora si tratta di dare una svolta al cammino, di provare a tirare fuori il meglio dal girone di ritorno. Vedendo le giocatrici in partita e diverse volte in allenamento mi sono fatto un’idea del loro valore e delle loro possibilità. Sono a loro disposizione, il lavoro di certo non mi spaventa”.

Le situazioni difficili spesso tirano fuori il meglio sia dalle atlete che dal coach, è questo quello in cui spera Nica, che sa quanto sia difficile la situazione ma è ben consapevole di come l’ambiente e le ragazze potrebbero avere la forza di risollevarsi e di dimostrare al mondo della pallavolo che in A1 ci sono anche loro. Certo l’esonero di Beltrami non è stato un bel modo per chiudere il girone di andata, ma a tutto c’è rimedio, specialmente se si ha a disposizione un allenatore come Nica, che ama le sfide impossibili.

  •   
  •  
  •  
  •