Jacques Brunel annuncia il divorzio dall’Italrugby

Pubblicato il autore: Armando Cortese Segui

J-BRUNEL

Quando nel novembre del 2011 la Federazione Italiana Rugby lo nominò ufficialmente nuovo Commissario Tecnico degli azzurri, Jacques Brunel si presentò a stampa e tifosi con l’entusiasmo e la voglia di lasciare il segno: far fare il tanto atteso salto di qualità all’italico rugby, forgiando una Nazionale nuova, non solo passione-fango-sudore, ma finalmente competitiva e vincente! Per l’occasione dichiarò: “L’Italia è una grande nazione del rugby, da oltre dieci anni gioca nel Sei Nazioni e con la partecipazione alla Celtic League di due franchigie può continuare a compiere importanti passi in avanti. Studierò il rugby italiano e lavorerò direttamente con la Nazionale e con l’intero movimento”, ma evidentemente qualcosa non ha funzionato al meglio. Nonostante l’indimenticabile Six Nations 2013 (il migliore di sempre sotto ogni punto di vista) e sconfitte paragonabili a vittorie, i passi in avanti non sono stati tanti quanti quelli previsti e sperati.

Ed è così che Monsieur Brunel ha deciso di dire basta, di non prolungare il proprio rapporto con la FIR (in scadenza il 30 giugno 2016) ed ha dichiarato di recente all’autorevole Midi Olympique: Ho rifiutato la proposta di rinnovo…credo che cinque anni alla guida di una selezione nazionale siano una durata sufficiente”. La storia non è però giunta al capolinea! In ballo c’è ancora l’accoppiata Sei Nazioni-Coppa del Mondo 2015…e fra un anno l’addio potrebbe essere molto meno amaro!

 

 

 

  •   
  •  
  •  
  •