Rugby, 6Nazioni: partita Italia Scozia, Parisse al traguardo dei 111 caps internazionali

Pubblicato il autore: Cristina Loria Segui

 

 

rugby parisse su italia scozia

Arriva oggi un traguardo importante per Sergio Parisse, capitano della Nazionale italiana di rugby: quello dei centoundici caps internazionali. Che giungerà proprio durante l’imminente partita tra Italia e Scozia.

L’Azzurro ne aveva trentanove il 24 febbraio 2007, quando l’Italia passò per 37-17 ad Edinburgo, sempre contro la Scozia. Ed è rimasto proprio lui, l’unico reduce di quella partita, a scendere in campo anche nella terza giornata dell’RBS 6 Nazioni 2015 di questo pomeriggio nella capitale scozzese, alle ore 14.30 locali, 15.30 in Italia, con diretta tv su DMAX, dalle 14.50.

Andiamo in campo con una squadra giovane, con due esordienti, dobbiamo fare anche i conti con gli infortuni. Per Enrico Bacchin e Michele Visentin sarà una giornata importante, come lo è sempre per chi conquista il primo cap: noi cercheremo di metterli nelle migliori condizioni per fare una grande partita”.

Così Parisse ha commentato, ieri in conferenza stampa, la partita odierna con gli Highlanders e forte della sua conoscenza dell’avversario ha continuato, sottolineando che “la Scozia ha la caratteristica di partire forte e magari poi essere meno regolare e consistente nel corso del match, comunque gioca in casa e ci aspettiamo inizio gara molto intenso da parte loro. Ma non abbiamo preparato la gara in base a questa loro peculiarità. Dovremo iniziare bene ed essere concentrati sin dall’inizio, loro sanno giocare un ottimo rugby”

 “I punti d’incontro – ha detto il numero otto di Italia e Stade Francais parlando ancora della gara –  saranno una delle chiavi del match, è una fase del gioco in cui gli scozzesi sono molto performanti. Dovremo avere la capacità di imporre il nostro gioco come fatto a tratti in Inghilterra, sicuramente la Scozia ha un’ottima terza linea, ma speriamo di essere vincenti in questa come in altre aree del gioco”.  

Sicuramente – ha concluso scherzando sul suo primo match contro la squadra di Cotter, il capitano azzurro – non ci saranno tre intercetti in sei minuti. Magari, ma dubito accadrà di nuovo. Quella partita rievoca tanti bei ricordi, anche se vuol dire che sto invecchiando. Scherzi a parte, sarà tutta un’altra storia”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: