Mondiali rugby, Nuova Zelanda prima finalista

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui
rugby-world-cup-2015-logo-620x350Spettacolo, emozioni e cuore. Neozelandese e sudafricano. Perchè la semifinale della Coppa del Mondo di rugby giocata ieri a Twickenham non può essere “limitata” soltanto al 20 a 18 con il quale gli All Blacks hanno superato i rivali conquistando la seconda finale consecutiva dei Mondiali. Ma la gara di ieri ha raccontato in 80 minuti tutta l’essenza del rugby, gioco di squadra fatto di sudore, orgoglio, passione, sofferenza.  Il match è stato più complicato del previsto per i neozelandesi che per almeno un tempo hanno sofferto contro l’organizzazione di gioco del Sudafrica che è riuscito a controbattere senza alcun timore alle giocate degli All Blacks. Dopo un avvio confortante i neozelandesi hanno subito il ritorno degli africani che minuto dopo minuti, metro dopo metro, hanno messo in difficoltà la formazione campione del mondo riuscendo a chiudere in avanti il primo tempo (  12 – 7 e con un giocatore in più).

In avvio di ripresa, però, è uscita tutta la classe degli All Blacks, trascinati da uno splendido Dan Carter riacciuffano la partita.  E’ stato proprio Carter a riaccendere la miccia neozelandese con un sublime drop che nei minuti del secondo tempo ha riportato gli All Blacks a stretto contatto con i sudafricani, risultando alla fine decisivo per l’esito dell’incontro.  La meta di Barrett consente ai neozelandesi di riprendere il largo ed a nulla valgono i calci di Pollard e Lambie per i sudafricani che alla fine devono alzare bandiera bianca con il match deciso da altri tre punti siglati da Carter. Conquistata la finale oggi i neozelandesi conosceranno il nome dei loro rivali.  L’Argentina per la storia o l’Australia per evitare di fare la storia agli All Blacks ( che in caso di vittoria della Coppa del Mondo diventeranno i primi ad aver vinto tre volte la competizione)

  •   
  •  
  •  
  •