Rugby World Cup, Precedenti Italia – Irlanda. Agli azzurri serve un vero e proprio miracolo

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

rugby rbs6nazioni Azzurri da eatalyE’ chiamata ad un vero  e proprio miracolo sportivo questo pomeriggio l’Italrugby che all’Olympic Park di Londra affronterà nel terzo match del raggruppamento D del Mondiale l’Irlanda. Per gli azzurri si tratta di un vero e proprio spareggio per continuare a sperare nell’accesso ai quarti di finale. Infatti, anche una vittoria contro gli irlandesi non darebbe all’Italrugby la certezza del passaggio del turno per via dei vari concatenamenti che potrebbero verificarsi nella classifica del girone. Ma prima di fare i possibili calcoli nell’ultima giornata, quando l’Italia affronterà la non irresistibile Romania, bisognerà superare l’ostacolo più grande che si chiama Irlanda. La formazione irlandese, quarta nel ranking mondiale, rappresenta sulla carte una montagna troppo alta da scalare per un’Italia apparsa in questo Mondiale non brillante come in passato. Ma nello sport, a volte, i miracoli possono anche accadere ed è proprio a questa speranza che tutti i tifosi azzurri si appigliano per dare un senso al match di questo pomeriggio.

Numeri alla mano l’Italia è spacciata.  Sono ventiquattro i precedenti tra le due Nazionali ed il bilancio vede nettamente avanti l’Irlanda con 20 successi contro i 4 dell’Italia. L’ultima vittoria italiana è datata 13 Marzo 2013 quando all’Olimpico di Roma gli azzurri sconfissero 22 a 15 l’Irlanda nel match valido per il Sei Nazioni. Quest’anno l’Irlanda, invece, ha espugnato facilmente Roma battendo l’Italia per 26 a 3.  Nel testa a testa Italia – Irlanda sono 772 i punti messi a segno dagli irlandesi nei ventiquattro precedenti tra le due formazioni contro i 382 azzurri,  83 le mete realizzate dall’Irlanda contro le 31 dell’Italia.  Accanto ai numeri, però, vi è un intero match da giocare, 80 minuti di battaglia che potrebbero cambiare la storia di questo Mondiale e del movimento della palla ovale italiano.

  •   
  •  
  •  
  •