Rugby Sei Nazioni, l’Italia verso il Cucchiaio di Legno

Pubblicato il autore: Nicola Di Gregorio Segui
Rugby Sei Nazioni

Rugby Sei Nazioni

La partita di ieri pomeriggio tra Italia e Scozia era il classico match da “dentro-fuori”, più per noi che per loro a dire il vero. La sconfitta, arrivata senza potersi appellare a nulla se non ai soliti errori degli azzurri puniti giustamente dagli scozzesi, rappresenta probabilmente la fine dell’era Brunel. Il Cucchiaio di Legno, “premio” assegnato alla squadra che perde tutte e 5 le partite del Torneo Sei Nazioni, è tristemente nelle mani dell’Italia, per la undicesima volta nella sua storia; ovviamente nulla è perduto, ma viste le prime uscite, e soprattutto le potenzialità delle avversarie che attendono l’Italia nelle prossime settimane, probabilmente è giusto aspettarsi ulteriori sconfitte.
Il problema principale, secondo il Ct dell’Italia è rappresentato dai 14 punti presi nei primi 20 minuti, i quali hanno creato frenesia nelle azioni d’attacco alla ricerca dei colpi dei singoli; una volta persa l’organizzazione e il gioco, fare bene diventa molto difficile. “Abbiamo avuto problemi in mischia, nei punti d’incontro, nelle touche. Non mi aspettavo tutta questa difficoltà con la mischia”.
La tristezza del capitano dell’Italia Parisse emerge dalle parole rilasciate a “La Gazzetta dello Sport”:”C’è tanta delusione. Abbiamo avuto nel secondo tempo tanto il possesso del pallone. In quelle situazioni le decisioni del singolo pesano, potevamo fare meglio. Bravi gli scozzesi, hanno giocato meglio di noi, più determinati, soprattutto nel primo tempo. Hanno concretizzato le occasioni positive”. I complimenti del capitano ai suoi compagni per la reazione avuta nel secondo tempo non bastano a far passare il rammarico di un’occasione che si doveva sfruttare meglio.
Il prossimo turno presenta lo scontro diretto tra Inghilterra e Galles che darà un’indicazione (quasi) definitiva sulla squadra vincitrice del Sei Nazioni 2016; i nostri ragazzi affronteranno l’Irlanda, campione in carica ma ferma con un solo punti in classifica e ormai impossibilitata dal raggiungere il terzo Trofeo consecutivo. Chiuderà il quarto turno la partita tra Francia e Scozia, con i primi che partono favoriti dall’alto dei loro 4 punti in classifica nonostante la sconfitta rimediata dal Galles per 19-10.

Classifica Sei Nazioni dopo tre giornate:
Inghilterra 6
Galles 5
Francia 4
Scozia 2
Irlanda 1
Italia 0

Classifica marcatori:
Laidlaw (Scozia) 41 punti
Farrell (Inghilterra) 33 punti
Biggar (Galles) 26 punti
Sexton (Irlanda) 25 punti
Canna (Italia) 16 punti
Joseph (Inghilterra) 15 punti
Haimona (Italia) 13 punti
Priestland (Galles) 11 punti
Murray (Irlanda) 10 punti

Rugby Sei Nazioni Femminile.

Danno soddisfazioni le ragazze dell’Italia Femminile di Rugby impegnate nel Sei Nazioni. Dopo le sconfitte rimediate contro Francia (39-0) e Inghilterra (33-24), le ragazze del Ct Andrea Di Giandomenico battono meritatamente la Scozia con il punteggio di 22-7 e staccano così il biglietto per i Mondiali 2017 che si giocheranno in Irlanda.  Completano il terzo turno del Sei Nazioni Femminile, le vittorie dell’Inghilterra (a questo punto favorita per la vittoria finale del Torneo) sull’Irlanda e del Galles su misura ai danni della Francia (10-8).
Nei due turni che restano sino al termine del torneo, l’Italia dovrà affrontare una doppia difficile trasferta: prima sul campo dell’Irlanda (13/03) e poi in Galles (20/03).
Il prossimo match tra Inghilterra –  Galles probabilmente definirà le gerarchie definitive dell’edizione 2016 del Sei Nazioni Femminile.

Classifica Rugby Sei Nazioni Femminile al termine del terzo turno.
Inghilterra 6
Francia 4
Galles 4
Irlanda 2
Italia 2
Scozia 0

  •   
  •  
  •  
  •