Bill Beaumont è il nuovo presidente della Federazione mondiale di rugby

Pubblicato il autore: fabia Segui
 Bill Beaumont

Bill Beaumont

A quanto pare  Bill Beaumont, ex capitano dell’Inghilterra, è riuscito a essere eletto presidente della Federazione mondiale di rugby. All’ età di Sessantaquattro anni, guida la sua Nazionale nella vittoria del Grand Slam nell’ 80. Beaumont, 34 presenze con la maglia dell’Inghilterra, ha guidato anche la Federazione inglese ed è stato presidente del Sei Nazioni.
Il primo luglio comincerà il suo mandato, prendendo il posto del suo predecessore, il francese Bernard Lapasset. L’obiettivo di Lapasset  è concentrare la sua attività e le sue energie  sulla candidatura di Parigi per i Giochi del 2024. Attualmente è stato eletto l’argentino Agustin Pichot  vicepresidente.
Conosciamo meglio Bill Beaumont:

 

  • Ex rugbista,  imprenditore
  • Dirigente sportivo britannico
  • Tra gli anni settanta e ottanta fu capitano della nazionale inglese di rugby
  • Seconda linea, spese l’intera carriera di club nel Fylde fino al 1982, successivamente a causa di un grave infortunio si ritira dall’attività agonistica
  • Esordio in nazionale nel 1975 a Dublino contro l’Irlanda
  • Prende parte ai tour del 1979 e del 1981
  • 34 in totale le presenze in Nazionale, di cui 21 come capitano.
  • Tra i suoi maggiori successi, il Grande Slam nel Cinque Nazioni 1980
  • A livello personale, invece, la fascia di capitano dei British Lions nel tour sudafricano del 1980
  • Nel 1999 è il rappresentante inglese in seno all’International Rugby Board
  • Nel 2003 fu ammesso nell’International Rugby Hall of Fame
  • Nel 2005 diventa il dirigente accompagnatore del tour 2005 dei British Lions in Nuova Zelanda.
  • Dal 1999 al 2007 fu vicepresidente e tesoriere del comitato organizzativo del Sei Nazioni e, dal 2007, è stato vicepresidente dell’International Rugby Board

 

 

 

Bernard Lapasset:

Bernard Lapasset:

Conosciamo meglio Bernard Lapasset:

 

  • Dirigente sportivo
  • funzionario pubblico ed ex rugbista a 15 francese
  • attuale presidente di World Rugby
  • vicepresidente del CNOSF, il Comitato Olimpico francese
  • ex presidente della Fédération française de rugby fino al maggio 2008.
  • Laureato in giurisprudenza, si impiega nell’amministrazione pubblica francese rivestendo, tra i vari ruoli dirigenziali, anche quello di direttore delle Dogane
  •  Successivamente diventa direttore delle imposte indirette
  • Da rugbista dilettante, vince il titolo di Francia giovanile nel 1967 ad Agen
  • Successivamente, entra nella P.A.
  • Vince anche il campionato per squadre aziendali militando nella selezione delle Dogane di Parigi.
  • Nel 1988 riceve il suo primo incarico dirigenziale sportivo, come presidente del comitato rugbistico dell’Île-de-France, carica nella quale rimase fino al 1991 a quella data corrispose il suo primo incarico nazionale, quale segretario generale della Fédération française de rugby.
  • L’anno seguente diventa presidente  della Fédération française de rugby carica tuttora rivestita.
  • Da presidente della federazione nazionale nomina quattro commissari tecnici della Nazionale francese: Pierre Berbizier dal 1991 al 1995 Jean-Claude Skrela dal1995 al 1999, Bernard Laporte dal 1999 al 2007 e l’attuale tecnico Marc Lièvremont, in carica dal 2007.
  • Nel 1995 riceve il suo primo incarico presso l’International Rugby Board nel comitato organizzatore per i tour.
  • Nel 2003 fu tra gli artefici dell’assegnazione della Coppa del Mondo di rugby 2007 alla Francia
  • Nel 2004 fu nominato presidente del relativo comitato organizzatore.
  • Il 19 ottobre 2007  l’elezione, da parte del consiglio dell’International Rugby Board, di Lapasset quale successore del presidente uscente, l’irlandese Syd Millar. Lapasset ricopre tale carica dal 1º gennaio 2008.
  • Nel maggio 2008 si dimette dalla carica di presidente della Fédération française de rugby
  • Bernard Lapasset è insignito della Legion d’Onore; co-presidente dell’associazione per l’amicizia franco-neozelandese, riceve nel 2006 anche l’onorificenza dell’Ordine al Merito della Nuova Zelanda

 

 

  •   
  •  
  •  
  •