WHEEL CHAIR RUGBY: al via gli Europei

Pubblicato il autore: massimiliano granato Segui

wheelchair2013_2_post

Il 2016 è ricco di eventi sportivi di prestigio, tra Europei di calcio, Copa America e Olimpiadi. Esistono però altre competizioni suggestive che meritano di essere menzionati, specie se al centro c’è il nostro Paese. Si svolgono infatti in Italia i campionati europei di Rugby in Carrozzaina, chiamato appunto Wheelchair.  Questa manifestazione nacque a Winnipeg, in Canada, alla fine degli anni ’70. La prima apparizione è datata 1979 e nel medesimo anno venne organizzato il primo evento nazionale canadese.  Nel 1981 si costituì la prima squadra negli Stati Uniti  e nel 1989 a Toronto si tenne il primo torneo Internazionale con squadre provenienti da Canada, Stati Uniti e Gran Bretagna. Successivamente, nel 1993 questa disciplina venne riconosciuta ufficialmente a livello internazionale e a tal proposito venne istituita la Federazione Internazionale di Rugby in carrozzina. Come si vede, tanta strada percorsa fino ad oggi., con coraggio, passione e grande dedizione. L’europeo di rugby in carrozzina sarà ospitato a Lignano Sabbiadoro da oggi, giovedì 16 giugno, fino al 18 giugno. Gli incontri si disputeranno presso gli impianti sportivi GeTur e vedrà la partecipazione di quattro squadre: oltre all’Italia saranno presenti Norvegia, Russia ed Israele. E’ un evento che fa registrare molti primati di notevole interesse per lo sport di settore: è infatti il primo campionato mai organizzato in Italia e vedrà anche la partecipazione, per la prima volta assoluta, della squadra israeliana, oltre al ritorno della Norvegia, che mancava da una competizione europea da ben undici anni. Le formazioni che arriveranno ai primi due posti avranno il diritto di partecipare agli Europei di divisione B ( questi sono di divisione C) che si svolgeranno dal 3 al 10 ottobre prossimi a Nottwil, in Svizzera. Grande entusiasmo si evince dal presidente della Federazione Italiana sport paralimpici e sperimentali Sandrino Porru, che è naturalmente orgoglioso di aver permesso a questo particolare sport di affacciarsi con discreto successo nello scenario dell rugby paralimpico. Per la precisione, il team Italia è giovanissimo, visto che è solo dal 2011 che esiste:in questi anni si è però sviluppato moltissimo ed è addirittura entrato nel ranking europeo e mmondiale. Il rugby in carrozzina è una disciplina divertente a seguire: lo scontro è ammesso ma solo tra carrozzine. E il successo continua a crescere, tanto che alle Paralimpiadi di Londra del 2012 è stata la disciplina con maggiore numero di spettatori: per la cronaca, si trattava della XIV edizione della competizione e furono venduti 2,7 milione di biglietti: un milione in più rispetto ai giochi di Pechino. Fu proprio la Cina a detenere il record di medaglie: ben 230. Al secondo posto si piazzarono gli Stati Uniti e in terza piazza i padroni di casa dell’Inghilterra. Alle ore 17 si parte con Italia-Israele mentre alle 19 ci sarà Norvegia-Russia. Nella giornata di domani, venerdì 17 ci sarà Italia-Norvegia alle ore 9.30 mentre alle 11.30 Israele-Russia.
Alle ore 17 Italia-Russia e alle ore 19 Norvegia-Israele. Il 18 giugno avranno luogo le semifinali e precisamente alle ore 9.30 e alle ore 11.30. Alle ore 16 ci sarà la finale per il terzo e quarto posto mentre alle ore 18 ci sarà la finalissima con premiazione a seguire.  L’auspicio è un successo dei colori azzurri, come sempre.

MASSIMILIANO GRANATO

  •   
  •  
  •  
  •