Pro Recco Rugby immensa: schianta i Medicei e vola al secondo posto

Pubblicato il autore: Matteo Rosagni Segui

Pro Recco Rugby batte Medicei 27 a 13 e si porta ad una sola lunghezza dalla capolista Accademia FIR

Lo Squalo, simbolo della Pro Recco Rugby

Lo Squalo, simbolo della Pro Recco Rugby

Mischia e concretezza: questi i due elementi grazie ai quali la Pro Recco Rugby ha sconfitto i Medicei, dagli addetti ai lavori dati come favoriti per la promozione finale in Eccellenza, con un ottimo risultato di 27 a 13.  Il pacchetto di mischia, infatti, ha condotto una partita positiva e di grande controllo, con il reparto arretrato a concretizzare con delle belle mete al largo.

L’estremo classe 1997 Gaggero, è stato eletto Man of the Match, da vero mattatore del primo tempo ed autore di una prestazione nel complesso superba. In meta nel primo tempo anche Villagra, classe 1976, mentre la meta del bonus è arrivata nel secondo tempo dal subentrato Panetti. Il punteggio è completato dal piede di Agniel, che ha fatto registrare un 3/5 (2/4 trasformazioni, 1/1 punizione). Per i Medicei è andato in meta Cesareo, Newton ha trasformato e ha messo a segno anche 2 calci di punizione (3/3).

Sul sito ufficiale degli Squali proreccorugby.it, inoltre, la Pro Recco Rugby porge i più sentiti auguri di pronta guarigione al mediano di mischia gigliato Khyam Apperley, conosciuto al “Carlo Androne” fin da quando era piccolo e che oggi è uscito nel primo tempo per un colpo alla testa.

Il capitano Bast Agniel, al termine della gara ha detto che “stiamo lavorando tanto per far funzionare al meglio la sinergia tra i reparti e oggi si è visto che ci stiamo riuscendo: la mischia ha giocato bene e conquistato palloni e i trequarti hanno finalizzato segnando tutte le mete. Visto che c’è sempre chi continua a dire, anche dopo 3 finali in 4 anni, che a Recco siamo capaci solo in mischia, oggi la soddisfazione è ancora più grande”. Mentre il compagno di squadra Davide Noto ha marcato che “finalmente abbiamo giocato da Recco ed abbiamo dimostrato che ci siamo anche noi e che stiamo crescendo”.

I coach Galli e Villagra, dal canto loro, non celano soddisfazione: “abbiamo ancora e sempre da lavorare, ma oggi sono davvero soddisfatto di quanto ho finalmente visto, soprattutto rispetto a quelli che finora sono stati i nostri punti più dolenti, cioè la disciplina e l’organizzazione del gioco tra il reparto avanzato e quello arretrato. La squadra ha funzionato e ha continuato a giocare dal primo all’ultimo minuto, senza perdere la concentrazione e senza difficoltà con i cambi. Dobbiamo riuscire a proseguire così, a confermare i progressi in ogni partita, continuare a lavorare insieme con umiltà e convinzione nei nostri mezzi”.

Il 6 Novembre comincerà il ritorno della prima fase di campionato e la Pro Recco Rugby è attesa a Parma sul campo dell’Accademia FIR, attuale capolista, davanti agli Squali biancoazzurri di una sola lunghezza.

TABELLINO

Tossini Pro Recco Rugby-I Medicei 27-13 (punti 5-0) (p.t. 19-3)

Marcatori: pt: 8′ meta Gaggero tr Agniel 7-0, 15′ cp Newton 7-3, 25′ meta Gaggero 12-3, 34′ meta Villagra tr Agniel 19-3; St: 9′ cp Newton 19-6, 19′ meta Panetti 24-6, 34′ meta Cesareo tr Newton 24-13, 39′ cp Agniel 27-13.

PRO RECCO: Gaggero, Becerra (11′ st Panetti), Tassara, Heymans, Neri (17′ st Torchia), Agniel (c), Villagra (20′ st Di Tota), Lamanna, Ciotoli (28′ st Ferrari), Nese (14′ st Rosa), Metaliaj, Monfrino, Corbetta (7′ st Di Valentino), Noto (vc)(16′ st Bedocchi), Avignone (24′ st Actis)
Allenatori: Galli-Villagra

I MEDICEI: Santillo (36′ st Cocchi), Citi (16′ st Reale), Masera, Cerioni, Morsellino (vc), Newton, Apperley (8′ pt Taddei), Bottacci (6′ st Meyer), Cosi (c) (26′ st Cesareo), Boccardo (1′ st Biagini), Savia, Maran, Bigoni (1′ st Battisti), Broglia (6′ st Fanelli), Zileri
Allenatore: Presutti

Arbitro: Bottino. Gdl: Giovanelli e Torazza.

Calciatori: Agniel 3/5 (2/4 trasf. 1/1 cp); Newton 3/3 (1/1 trasf. 2/2 cp)

Man of the match: Gaggero (Recco)

CLASSIFICA
Accademia 20
Recco 19
Medicei 18
Noceto 7
CUS Genova 6
Prato Sesto 4

  •   
  •  
  •  
  •