Rugby, Ghiraldini: “Sono finalmente a posto fisicamente”

Pubblicato il autore: Gabriele Lepri Segui

ghiraldini_rugby_italia_getty

Ci siamo, mancano pochi giorni alla super sfida per quanto concerne il rugby. Tra tredici giorni infatti allo stadio Olimpico di Roma  ci sarà il grandissimo incontro tra l‘Italia e gli All Blacks. L’Italia del rubgy nel frattempo si sta preparando a Roma per questa sfida contro gli All Blacks: sarà un novembre intenso per la formazione azzurra che in seguito affronterà il Sudafrica a Firenze e infine il Tonga a Padova.
Grande attesa per il ritorno in nazionale di Leonardo Ghiraldini. Il giocatore italiano, come riportato da Gazzetta.it, ha espresso subito il suo pensiero sulla guida tecnica della nazionale. Conor O’Shea il nuovo allenatore, Mike Catt mister dei trequarti coadiuvati dagli allenatori della mischia Giampiero De Carli e Marius Goosen. Ecco quanto riportato da Ghiraldini:

“Rispetto alla precedente gestione, c’è un cambiamento nel modo in cui ci stiamo preparando. Come nel passaggio da Leicester a Tolosa, dal campionato inglese a quello francese, io ho dovuto adattarmi, anche qui le cose sono cambiate. Abbiamo uno staff di grandissima esperienza e competenza, ma anche in squadra ci sono tanti volti nuovi: c’è tanto da lavorare e non ci fermiamo”

Ghiraldini ha poi analizzato la squadra e la probabile concorrenza nel ruolo del tallonatore che sicuramente dovrà mettere in conto:

“Io finalmente dopo una stagione difficile dal punto di vista degli infortuni, ora sto bene, anche se sono reduce da un piccolo stop per una botta. Ornel Gega ha trovato continuità a Treviso, lo stesso si può dire per Oliviero Fabiani e Tommaso D’Apice. Se si vuole competere ad alto livello, prima di tutto sono necessarie concorrenza e competizione in squadra, ci deve essere sempre la fame di conquistarsi prima la convocazione, poi la maglia e magari la conferma. Deve essere l’ambizione di tutti ed è quello che vuole lo staff. E’ così in qualsiasi altra squadra di alto livello. A cominciare proprio dagli All Blacks”

Il noto giocatore italiano del rubgy ha fatto poi un interessante paragone con i prossimi avversari, gli All Blacks, per quanto riguarda la concorrenza:

“Loro sono l’esempio più lampante di concorrenza interna. Guardate cosa è successo quando è uscito Aaron Smith e come mediano di mischia è entrato TJ Perenara”.

Ancora sul ruolo del tallonatore Ghiraldini ha commentato le prestazioni attuali di Dane Coles, il miglior giocatore attuale in questo ruolo:

“E se pensiamo a chi c’era prima di lui, tutti grandissimi… Loro hanno una organizzazione di gioco che fila alla perfezione e lui ci si è integrato alla grande. Ha grandi doti di rapidità e velocità, nell’uno contro uno fa sempre la differenza. Il gioco degli All Blacks ora è ideale per esaltare le sue qualità: ha tante occasioni di gioco in attacco, ha fornito tanti assist e segnato tante mete”

Infine Ghiraldini ha parlato del Tolosa, la sua attuale squadra e del campionato francese:

“La vita rispetto all’Inghilterra è diversa, tanto per cominciare si mangia meglio… C’è il sole, la Spagna è vicina, il modo di vivere è latino, molto simile al nostro. Giacomo va già all’asilo e ha già imparato qualche parola di francese. Il campionato in Francia è molto equilibrato, molto lungo e all’inizio c’è sempre qualche sorpresa. Poi da gennaio quando arriva il Sei Nazioni, le squadre con le rose più apprezzate alla lunga vengono fuori”. 

  •   
  •  
  •  
  •