Rugby Sei Nazioni, formazioni e ultime novità della quarta giornata (10-11 marzo)

Pubblicato il autore: Simone Del Latte Segui

sei nazioni formazioni
Rugby, Sei Nazioni 2017. Tra venerdì 10 e sabato 11 marzo, la quarta giornata del massimo torneo continentale per nazionali. Di seguito una presentazione delle tre sfide del weekend con le formazioni varate nei giorni scorsi dagli allenatori.

Galles-Irlanda. Rugby, Sei Nazioni 2017
L’allenatore del Galles, Rob Howley, offre ai suoi giocatori una chance di redimersi dalla sconfitta del terzo turno mantenendo inalterata la formazione scesa in campo a Murruayfield contro la Scozia. A Cardiff questa settimana arriverà l’Irlanda, costretta a vincere se vuole giocarsi il titolo nell’incontro conclusivo del Sei Nazioni contro gli Inglesi. Anche Joe Schimdt si affida agli stessi primi XV uomini del match casalingo di due settimane fa. A differenza del Galles però, che si presenta persino con le stesse sostituzioni, l’Irlanda è stata costretta ad un cambio obbligato per infortunio. Fuori Andrew Trimble, che ha riportato una frattura alla mano durante una partita con il suo club, e dentro Tommy Bowe.

Formazioni Galles-Irlanda

Galles: 15. Leigh Halfpenny, 14. George North, 13. Jonathan Davies, 12. Scott Williams, 11. Liam Williams, 10. Dan Biggar, 9. Rhys Webb, 8. Ross Mortiarty, 7. Justin Tipuric, 6. Sam Warburton, 5. Alun Wyn Jones (c), 4. Jake Ball, 3. Tomas Francis, 2. Ken Owens, 1. Rob Evans
A disposizione: 16. Scott Baldwin, 17. Nicky Smith, 18. Samson Lee, 19. Luke Charteris, 20. Taulupe Faletau, 21. Gareth Davies, 22. Jamie Roberts

Irlanda: 15. Rob Kearney, 14. Keith Earls, 13. Garry Ringrose, 12. Robbie Henshaw, 11. Simon Zebo, 10. Jonathan Sexton, 9. Conor Murray, 8. Jamie Heaslip, 7. Sean O’Brian, 6. CJ Stander, 5. Devin Toner, 4. Donnacha Ryan, 3. Tadhg Furlong, 2. Rory Best (c), 1. Jack McGrath
A disposizione: 16. Niall Scannell, 17. Cian Healy, 18. John Ryan, 19. Iain Henderson, 20. Peter O’Mahony, 21. Kieran Marmion, 22. Paddy Jackson, 23. Tommy Bowe

Italia-Francia, Rugby, Sei Nazioni 2017
In un’edizione del Sei Nazioni dove a farla da padrona sono le anglosassoni, in palio tra gli Azzurri e i Blues resta soltanto il Trofeo Garibaldi. Il ct Conor O’Shea opta per tre volti nuovi nel XV di partenza: gli infortunati Giulio Bisegni e Tommaso Allan verranno sostituiti in campo rispettivamente da Angelo Esposito all’ala e da Carlo Canna in regia, mentre Leonardo Ghiraldini prenderà il posto di Ornel Gega in prima linea. Tra le fila della Francia ci sono tre novità interessanti: ritorna a giocare Francois Trihn-Duc dopo quattro mesi di stop, Brice Dulin partirà da titolare invece di Scott Spedding, mentre in panchina scalpita il promettente mediano di mischia Antoine Dupont (classe 1996).

Formazioni Italia-Francia, Rugby Sei Nazioni 2017

Italia: 15. Edoardo Padovani, 14. Angelo Esposito, 13. Michele Campagnaro, 12. Luke McLean, 11. Giovanbattista Venditti, 10. Carlo Canna, 9. Ugo Gori, 8. Sergio Parisse (c), 7. Simone Favaro, 6. Abrham Steyn, 5. Andires Van Schalkwyk, 4. Marco Fuser, 3. Lorenzo Cittadini, 2. Leonardo Ghiraldini, 1. Andrea Lovotti
A disposizione: 16. Tommaso D’Apice, 17. Sami Panico, 18. Dario Chistolini, 19. George Biagi, 20. Maxime Mbanda, 21.Giorgio Bronzini, 22. Tommaso Benvenuti, 23. Luca Sperandio

Francia: 15. Brice Dulin, 14. Noa Nakaitaci, 13. Remi Lamerat, 12. Gael Fickou, 11. Virimi Vakatawa, 10. Camille Lopez, 9. Baptiste Serin, 8. Louis Picamoles, 7. Kevin Gourdon, 6. Fabien Sanconnie, 5. Yoann Maestri, 4. Juilien Le Devedec, 3. Rabah Slimani, 2. Guilhem Guirado (c), 1. Cyril Baille
A disposizione: 16. Christopher Tolofua, 17. Uini Atonio, 18. Eddy Ben Arous, 19. Paul Jedrasiak, 20. Bernard Le Roux, 21. Antoine Dupont, 22. Francois Trihn-Duc, 23. Yoann Higet

Inghilterra-Scozia, Rugby Sei Nazioni 2017
Sabato 11 marzo a Londra in palio non ci sarà solamente la Calcutta Cup. Se venerdì l’Irlanda dovesse perdere, l’Inghilterra vincente si chiamerebbe fuori dai giochi, al tempo stesso però qualora la Scozia dovesse riuscire ad espugnare Twickenham col punto di bonus si autocatapulterebbe in cima alla classifica del Sei Nazioni da solitaria. Per quanto riguarda le novità in formazione: Danny Care, Ben Te’o e Jonny May lasciano il posto rispettivamente a Ben Youngs, Jonathan Joseph e Jack Nowell. In campo anche Joe Marler al suo 50° cap, Maro Itoje ancora una volta impiegato come blinde side flanker, mentre partiranno dalla panchina entrambi i fratelli Vunipola. La Scozia ripropone invece gli stessi titolari che avevano cominciato col Galles. Hamish Watson indosserà nuovamente la maglia numero 7 in contumacia di John Hardie, infortunatosi la scorsa giornata.

Formazioni Inghilterra-Scozia

Inghilterra: 15. Mike Brown, 14. Jack Nowell, 13. Jonathan Joseph, 12. Owen Farrell, 11. Elliot Daly, 10. George Ford, 9. Ben Youngs, 8. Natahn Hughes, 7. James Haskell, 6. Maro Itoje, 5. Courtney Laws, 4. Joe Lanchbury, 3. Dan Cole, 2. Dylan Hartley (c), 1. Joe Marler
A disposizione: 16. Jamie George, 17. Maro Vunipola, 18. Kyle Sinclair, 19. Tom Wood, 20. Billy Vunipola, 21. Danny Care, 22. Ben Te’o, 23. Anthony Watson

Scozia: 15. Stuart Hogg, 14. Tommy Seymour, 13. Huw Jones, 12. Alex Dunbar, 11. Tim Visser, 10. Finn Russell, 9. Ali Price, 8. Andrew Wilson, 7. Hamish Watson, 6 John Barclay (c), 5. Jonny Gray, 4. Richie Gray, 3. Zander Fagerson, 2. Fraser Brown, 1. Gordon Reid
A disposizione: 16. Ross Ford, 17. Allan Dell, 18. Simon Berghan, 19. Tim Swinson, 20. Cornell Du Preez, 21. Henry Pyrgos, 22. Duncan Weir, 23. Mark Bennett

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: