Il segreto di Arianna: “Penso solo alle mie stoccate, salgo in pedana consapevole”

Pubblicato il autore: Armando Cortese Segui

arianna_errigo_getty

Non ha bisogno di presentazioni Arianna Errigo, il suo palmares parla chiaro e non lascia dubbi. E l’ultimo successo, vittoria nel Grand Prix trofeo Inalpi di Torino non fa altro che confermare il suo ruolo di leader del fioretto mondiale, nonchè punta di diamante del leggendario Dream Team azzurro. Le sconfitte, le distrazioni, le prestazioni incostanti e le delusioni di un tempo hanno lasciato il segno,  contribuendo però al salto di qualità di Arianna, alla sua crescita, alla sua piena maturità. “Basta rimpianti: non mi piango addosso. Ora sono felice e feroce”. Il segreto del successo sta in un approccio diverso, nell’aver saputo spostare l’obiettivo: non più focalizzato sulle avversarie, ma su se stessa e sulle proprie capacità. “Ho svoltato, in 2-3 anni da pro’ sono riuscita a calibrarmi: prima c’era davanti la Vezzali, mi allenavo fino allo sfinimento ma non funzionava. Ora so quando staccare, andare in vacanza, fare una lezione oppure non farla. E non devo emulare più nessuna…sono concentrata solo su me stessa adesso: non guardo più cosa fanno le altre, l’ho fatto per anni e mi stressavo, guardarle troppo per cercare di imitarle è stato un errore che poi pagavo puntualmente in gara. Basta angosce, appartenevano ad un’altra Arianna.”

Una nuova Arianna, determinata e pronta per traguardi ambiziosi.Penso solo alle mie stoccate, salgo in pedana consapevole…Oltre la scherma fino ai Giochi di Rio non vedo altri interessi. Sto così bene che non voglio alterare i miei equilibri. La tv non mi interessa…devo ancora tanto alla scherma: non mi sento per nulla arrivata, farò di tutto per l’oro individuale alle Olimpiadi del 2016 e altro potrebbe provocarmi stress, distrazioni sbagliate.” A noi piace così, come darle torto.

  •   
  •  
  •  
  •