Scherma paralimpica, Bebe Vio regina d’europa

Pubblicato il autore: giuseppe spampinato Segui

IMG_0949
La seconda giornata di gare di Scherma paralimpica a Casale Monferrato si è conclusa, ancora una volta, con un dominio da parte dei nostri atleti. E così dopo Marco Cima, che ieri aveva conquistato la medaglia di  bronzo nonchè il lasciapassare per i giochi paralimpici di Rio, ecco che gli azzuri conquistano un’altra medaglia, questa volta d’oro, con Beatrice Vio.
La campionessa Italiana, per tutti Bebe, ha sfoderato una prestazione straordinaria nella finale contro la russa Irina Mishurova, vincendo con il punteggio di 15-2 e conquistando così il titolo Europeo.
Ma non è la prima impresa di questo tipo nella scherma paralimpica da parte di questa atleta. Beatrice Vio, infatti, aveva già conquistato un Europeo nel 2014  e un titolo mondiale nel 2015 e con questa ultima vittoria si candida definitivamente tra le favorite per Rio 2016.
Durante questi campionati la Vio non ha dovuto faticare molto, non ha trovato avversarie alla sua altezza. Partiva come testa di serie nel suo girone e al primo turno ha dovuto affrontare  la polacca Jadwiga Pacek, battuta agevolmente per 15-9. Al secondo turno è stata la volta  di Irina Khetsuriani, atleta di origini georgiane, che è stata sconfitta per 15-2. Infine, prima di incontrare in finale la russa Mishurova, Beatrice Vio ha dovuto affrontare un’altra altleta do origini sovietiche, Viktoria Boykova, battuta per 15-9.
Al termine della finale Beatrice ha rilasciato alcune dichiarazioni: ” Non ci si abitua mai a vincere ed adesso ci sono altri obiettivi. Volevo vincere qui in Italia perché c’era mio nonno e tanti compagni di squadra”. L’atleta ha lasciato intendere che a Rio sarà una tra le protagoniste indiscusse.
Ma gli atleti azzurri non hanno finito di stupire durante questa giornata di gare, non solo l’oro conquistato dalla Vio ma anche il bronzo di Alessio Sarri nella sciabola maschile. L’azzurro si è dovuto arrendere in semifinale di fronte all’atleta greco Panagiotis Triantafyllou col punteggio di 15-13.
Ancora un altro sciabolatore, Andrea Pellegrini, riesce a strappare un posto per le paralimpiadi di Rio, anche se deve fermarsi ai quarti di finale, sconfitto dal francese Romain Noble per 15-14.
L’ultima atleta azzurra a strappare un pass per il Brasile è Loredana Trigilia. L’atleta Siciliana, esce sconfitta ai quarti  dal match contro la russa Evgeniya Sycheva per 15-6, ma grazie a questo risultato può comunque volare in Brasile.
Una piccola delusione arriva dalle atlete Andreea Mogos e Marcella Li Brizzi, entrambe eliminate dall’ungherese Zsuszanna Krajnyak rispettivamente per 15-8 e 15-3.

  •   
  •  
  •  
  •