Valentina Vezzali nella “Walk of Fame” al Foro Italico

Pubblicato il autore: Fabio Roveda Segui

vezzali

Valentina Vezzali inserita nella “Walk of Fame” al Foro Italico. All’ex schermitrice azzurra è stata assegnata oggi una mattonella sul viale delle Olimpiadi, assieme a lei riconoscimento anche per gli atleti Alberto Braglia (Ginnastica), Sandro Mazzinghi (Pugilato), Paola Pigni (Atletica Leggera) e Mario Fiorillo (Pallanuoto).

ROMA – Da 107 a 112. E’ questo il nuovo numero delle “stelle” dello sport italiano. Ad aggiungersi ai precedenti eroi sportivi sono i nomi di Alberto Braglia, Sandro Mazzinghi, Paola Pigni, Mario Fiorillo e soprattutto di Valentina Vezzali, storica schermitrice azzurra. Per la scherma italiana è l’ottava “mattonella” dopo quelle assegnate a Nedo Nadi, Giulio Gaudini, Edoardo Mangiarotti, Giuseppe Delfino, Irene Camber, Mauro Numa e Giovanna Trillini.

LA CARRIERA DELLA VEZZALI – Riconoscimento più che giustificato per la fiorettista di Jesi, che con nove medaglie Olimpiche è l’atleta più premiata del nostro paese. Tra i suoi record anche quello di essere stata la prima schermitrice al mondo a centrare tre ori consecutivi nella stessa specialità (Fioretto), a Sydney 2000, Atene 2004 e Pechino 2008. Le altre sei medaglie sono invece così distribuite: sempre nel fioretto individuale argento ad Atlanta 1996 e bronzo a Londra 2012, mentre a squadre vanta tre ori (Atlanta 1996, Sydney 2000 e Londra 2012) e un bronzo (Pechino 2008). Per un bottino totali di sei ori, record italiano condiviso con il collega Edoardo Mangiarotti, unico altro atleta ad aver vinto altrettante medaglie del metallo più nobile. Oltre ai trionfi olimpionici, per la Vezzali anche sei titoli mondiali, cinque europei e 11 vittorie in Coppa del Mondo (con un totale di 78 prove vinte).

IL COMMENTO DI MALAGO’ – Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, si è espresso così sulla giornata: “Questa è una iniziativa che ci inorgoglisce. Le scelte vengono fatte dalla Commissione, che è stata eletta democraticamente, ed agisce in base a un regolamento, anche se non è facile individuare una formula che accontenti tutti. Abbiamo capito che gli atleti sono felici di questa iniziativa perché si tratta di una celebrazione in eterno. Oggi ricordiamo 5 storie eccezionali“. Non è mancata una frecciata alla sindaca della capitale Virginia Raggi, che pure aveva accolto con un cavalleresco baciamano, per la recente vicenda della mancata candidatura di Roma 2024: “Sono felice che il mondo dello sport dimostri come sappia reagire e andare avanti anche dopo quello che è successo nelle ultime ore. Oggi però i protagonisti sono questi fantastici campioni che hanno saputo regalarci emozioni infinite nel corso della loro carriera. Braglia, Mazzinghi, Fiorillo, Pigni e Valentina Vezzali hanno vinto tanto ma soprattutto hanno saputo promuovere l’immagine vincente del nostro Paese nel mondo. Esempi di talento e di comportamento, giganti del nostro movimento“.

COMMOSSA LA VEZZALI – “Sono sinceramente emozionata” le prime parole di Valentina Vezzali al momento della cerimonia. La schermitrice ha spiegato che “è un onore vedere il proprio nome su queste lastre assieme a quello di tantissimi grandi campioni dello sport italiano. Dal primo giorno in cui sono entrata in una sala scherma sino alla mia ultima volta in pedana, l’obiettivo è sempre stato quello di onorare il tricolore e l’Italia. Spero di averlo fatto nel migliore dei modi“.

  •   
  •  
  •  
  •