Risultati sci alpino: Vonn nella storia, 62esimo successo in coppa. Terza Dada Merighetti

Pubblicato il autore: Valerio Mingarelli Segui

sci alpino

Nella leggenda, Lindsey Vonn ci era già entrata da un bel po’. Negli ultimi 8 anni ha letteralmente cannibalizzato lo sci alpino femminile: la bionda di Vail ha fatto sue 4 coppe del mondo assolute, 13 coppe di specialità, 2 medaglie olimpiche e 5 mondiali. E’ la sciatrice più grande di ogni epoca, e questo nessuno lo può confutare: ora lo dicono anche i numeri. Sull’Olimpia delle Tofane di Cortina d’Ampezzo però l’americana ha riscritto la storia, conquistando la vittoria numero 62 in coppa del mondo, ed eguagliando la regina delle nevi degli anni ’70 Anne Marie Moser Proell, che all’epoca fece sognare l’Austria e con essa tutti i “malati” di sport invernali. Spesso criticata per i suoi atteggiamenti al limite dell’hollywoodiano, la Vonn vive sempre a mille: la relazione con la star del golf Tiger Woods sotto l’occhio di tv, social network, giornali e ogni media possibile e immaginabile, le risalite forsennate dagli infortuni, la fame di vittorie che non viene mai meno. Sulla pista ampezzana ha disegnato l’ennesimo capolavoro in discesa libera, sbaragliando la concorrenza sul tracciato più blasonato del circo rosa, sul quale ha colto ben 8 vittorie. Dietro di lei l’austriaca Elizabeth Goergl, staccata di 32 centesimi, prima tra le comuni mortali. A 54 centesimi ritrova il podio Daniela Merighetti: per la 33enne lombarda una bella siringata di fiducia in vista dei mondiali di febbraio. Quarta a 77 centesimi Elena Fanchini, che venerdì si era travestita da Lindsey Vonn centrando il secondo successo in carriera: la più grande delle sorelle Fanchini da anni non era così brillante sugli sci, e da qui a fine stagione può ancora far paura alle avversarie.

Settima una ritrovata Johanna Schnarf, a completare la bella domenica azzurra. Ma torniamo alla Vonn: scatta ora l’operazione sorpasso nei confronti della Proell. A partire da domani, sempre a Cortina, dove è in programma un SuperG ghiottissimo per la stratosferica campionessa americana.

  •   
  •  
  •  
  •