Sci alpino: negli Usa mondiali al via. C’è anche Bode Miller (orari e diretta tv)

Pubblicato il autore: Valerio Mingarelli Segui

sci alpino mondiali

Ci siamo. Domani a Vail prendono il via i mondiali di sci alpino, e nella località del colorado c’è già trepidazione in vista dell’assegnazione delle prime medaglie. Si parte domani sera con il SuperG femminile (ore 19, diretta tv su Rai Sport2), gara dove tutti gli Stati Uniti si attendono una Lindsey Vonn con la medaglia d’oro al collo alla luce delle ultime strepitose prestazioni della super-stella americana, che in supergigante è l’atleta che ha vinto di più nella storia. La concorrenza è agguerritissima. C’è leader di coppa del mondo, la slovena Tina Maze, sempre temibile nella gare dove ci si gioca una medaglia. Attenzione massima alle due fuoriclasse austriache Anna Fenninger e Elizabeth Goergl, e all’elvetica Lara Gut, sempre a suo agio in SuperG. Da tenere d’occhio anche l’atleta del Liecthnstein Tina Weirather e la tedesca Viktoria Rebensburg. Nel quartetto azzurro, fari puntati su Nadia Fanchini, la migliore delle nostre in questa specialità, e su Daniela Merighetti, atleta di esperienza. Al via anche le più giovani Elena Curtoni e Francesca Marsaglia.

Per quanto riguarda gli uomini, il SuperG a Bever Creek (orario: 19.30, diretta tv RaiSport2) è fissato per dopodomani, dove l’Italia tenta da subito l’assalto al podio con Dominik Paris (vincitore dell’ultimo supergigante di coppa a Kitzbuhel) e Christof Innerhofer (iridato di specialità a Garmisch nel 2011). I principali avversari degli azzurri sono il norvegese Kjetil Jansrud, dominatore delle prove veloci della prima parte della stagione, e soprattutto il quartetto austriaco: da Matthias Mayer e Hannes Reichelt puntano dritti all’oro, ma anche Georg Streitberger e Otmar Striedinger, entrambi atleti da podio. Temibili anche i due veterani svizzeri Carlo Janka e Didier Defago, mentre gli Usa punteranno su Ted Ligety, campione del mondo in carica ma in fase calante in questa specialità. al via ci sarà anche l’idolo di casa Bode Miller (foto): a quasi 38 anni, il funambolo americano vuol provarci ancora. In casa Italia ci si aspetta molto da Matteo Marsaglia, che a Beaver Creek vinse in coppa del mondo anni fa, mentre sono quasi inesistenti le chanche di podio per Werner Heel.

  •   
  •  
  •  
  •