Sci, slalom in Val d’Isère: Hirscher rimonta ma vince Kristoffersen. Razzoli beffato da un palo divelto

Pubblicato il autore: Valerio Mingarelli

sci slalom val d'isèreMai fidarsi di un Marcel Hirscher in sordina. Il fenomeno austriaco, inguardabile nella prima manche 8a oltre un secondo e mezzo dai primi) dello slalom speciale di coppa del mondo in Val d’Isère che di fatto apre la stagione in questa specialità, nella seconda discesa compie un capolavoro sulla Face de Bellevarde e agguanta un insperato secondo posto alle spalle di un impeccabile Henrik Kristoffersen (foto) che gli rifila comunque 1″09. Il norvegese, a soli 21 anni, è forse il migliore al mondo allo stato attuale tra le porte strette. Sul terzo gradino del podio finisce il tedesco Felix Neureuther, a quasi un secondo e mezzo dallo scandinavo. Podio sul quale poteva salire anche Giuliano Razzoli: l’emiliano, una furia per una discesa e mezza, si ritrova sulla traiettoria un palo rosso scardinatosi dal manto nevoso a quattro porte dal traguardo: l’amarezza dell’azzurro e l’imbarazzo (della Fisi: il palo unico per ora è un flop) sono palpabili. In casa italia ci si consola con un buon piazzamento dei “vecchietti” Patrick Thaler, buon sesto ma a oltre due secondi e mezzo da Kristoffersen, e Manfred Moellgg, settimo alle spalle del compagno di squadra. Chiude tredicesimo, invece, Riccardo Tonetti. Dunque ha il sapore aspro questo primo slalom stagionale: alla beffa di Razzoli si aggiunge l’errore nella prima manche di un grande Stefano Gross uscito mentre viaggiava ai livelli di Kristoffersen. Ora c’è poco tempo per piangersi addosso: tra poco più di una settimana le porte strette tornano protagoniste sulla 3-3 di Madonna di Campiglio.

  •   
  •  
  •  
  •