Slalom Wengen, Gigante Flachau: è grande Italia

Pubblicato il autore: Matteo Monaco Segui

Grande giornata nello sci per i colori azzurri. L’Italia si  ritrovata sul podio sia nello slalom maschile che nel gigante femminile grazie a Giuliano Razzoli, Stefano Gross e Federica Brignone.

 

Slalom Wengen. Doppio podio per gli azzurri nello slalom speciale di Wengen vinto dal fuoriclasse norvegese Henrik Kristoffersen, capace di trionfare in quattro dei cinque slalom fin qui disputati. Al secondo posto si  classificato l’ex campione olimpico Giuliano Razzoli che ha preceduto sul podio uno splendido Stefano Gross. Già dalla prima manche si poteva intuire che sarebbe stata una grande prova per gli azzurri. Dopo la prima discesa, infatti, Kristoffersen era in testa con soli 16 centesimi di vantaggio sull’azzurro Razzoli, mentre Gross si era piazzato in quinta posizione. Male l’austriaco Marcel Hirscher, classificatosi nono dopo la prima discesa. Ancora peggio per l’austriaco è stata la seconda manche che lo ha visto uscire malamente nel muro finale dopo che era già stato costretto a ritornare sui suoi passi per il salto di una porta. Nessuna possibilità, quindi per ridurre lo svantaggio da Svindal che da poco lo ha superato in classifica generale. La seconda manche ha visto per un lungo periodo in testa lo svedese Byggmark, 22° dopo la prima manche scavalcato solo da Gross, autore di un’ottima seconda parte. Il quarto e il terzo della prima discesa, il francese Pinturault e il tedesco Neureuther, non sono riusciti a fare meglio dell’azzurro che a quel punto era sicuro del podio. Le discese di Razzoli, avanti di 38 centesimi sul connazionale e Kristoffersen, hanno completato il podio, con il norvegese che ha ulteriormente incrementato il suo vantaggio.

 

Gigante Flachau. Quarto podio per Federica Brignone in questa stagione sciistica, un terzo posto di assoluto livello. È tornata alla vittoria dopo tre anni Viktoria Rebensburg, la ventiseienne tedesca, al comando già nella prima manche, si è confermata anche nella seconda, confermando la sua leadership e scendendo, sola tra le atlete in campo, sotto i due minuti e trenta. Seconda, a quasi un secondo di ritardo, la slovena Ana Drev che ha preceduto di soli cinque centesimi l’azzura Brignone che, dopo una prima manche che l’aveva vista piazzarsi in quinta posizione. Bellissima la seconda discesa dell’azzurra che ha guadagnato su tutte le atlete che l’avevano preceduta nella prima prova, dimostrando una tenacia che nelle ultime gare sembrava essere un po’ persa. Bene anche le altre azzurre con Nadia Fanchini sesta, Manuela Moellg e Francesca Marsaglia settime con lo stesso tempo, mentre Sofia Goggia è sedicesima.

 

Le classifiche. In campo maschile Svindal mantiene 15 punti di vantaggio su un Hirscher che non è riuscito a approfittare dello slalom per rosicchiare qualcosa al norvegese. In terza posizione Kristoffersen mentre primo degli italiani è Peter Fill. In campo femminile allunga un po’ Lara Gut, con 50 punti di vantaggio Lindsey Vonn. Nessuna azzurra nelle prime dieci ma con la Brignone ancora in lotta per il titolo di campionessa di specialità di gigante, dato che attualmente è terza a settanta punti dalla austriaca Brem.

Italy's Federica Brignone, winner of the silver medal, smiles after the women's giant slalom, at the Alpine World Skiing Championships in Garmisch-Partenkirchen, Germany, Thursday, Feb.17, 2011. (AP Photo/Matthias Schrader)

  •   
  •  
  •  
  •