Sci: fuori la Vonn, Lara Gut vince la Coppa del mondo

Pubblicato il autore: Eleonora Belfiore Segui

topelement

La svizzera Lara Gut  ha conquistato, con quattro gare di anticipo, la Coppa del mondo di sci alpino 2016.
Ci è riuscita giungendo 3/a in 1.59.78 nella combinata alpina di Lenzerheide. La Gut ha 355 punti di vantaggio sulla tedesca Rebensburg , unica avversaria che era ancora in grado di costituire una possibile, seppur vaga, minaccia. Grazie ai punti conquistati oggi nella straordinaria prova di  Lenzerheide, la sciatrice ticinese è ormai matematicamente irraggiungibile.
La Gut riporta, così, il titolo mondiale in Svizzera, ben 21 anni dopo dalla  memorabile vittoria di Vreni Schneder, nel lontano 1995.
Ricordiamo che la combinata di Lenzerheide è stata vinta dall’altra elvetica Holdener in 1.59.31 che, con 198 punti contro i 160 di Gut, ha vinto la coppa di disciplina. Seconda è arrivata l’austriaca Kirchgasser in 1.59.77. La migliore azzurra si è rivelata, invece, Johanna Schnarf 8/a in 2.01.62.
Ovviamente, la vera protagonista di queste ore resta la campionessa svizzera.
Lara Gut  ha  agognato a lungo questo risultato: gareggia in Coppa del Mondo dal 2007 e da allora ha ottenuto 30 podi (18 vittorie), tre argenti e un bronzo ai Mondiali, un bronzo alle Olimpiadi, e la vittoria, decisamente di buon auspicio, nella Coppa del Mondo di Super-G nel 2014.
Tuttavia, bisogna anche dire che la cattiva stella di Lindsey Vonn  e la conseguente decisione di porre fine alla sua stagione a seguito del suo brutto infortunio,  le ha aperto, in un certo senso, le porte per la conquista della sua prima sfera di cristallo, strappata, forse, all’altra grande protagonista di questa stagione: la Vonn, appunto.
La rivalità fra le due campionesse non si è sempre limitata alle gare in pista: alcune settimane fa, c’è stata anche una querelle sui social.
Come riportato da skionline.ch, era stata la ticinese ad accendere la scintilla in un’intervista a ZDF. Non solo; già qualche giorno prima, la sciatrice ticinese si era lasciata sfuggire, che lei e l’avversaria statunitense non avevano nulla in comune. Non contenta, e poco simpaticamente, in una trasmissione televisiva tedesca, Lara, chiaramente innervosita per  gli ultimi successi di Lindsey Vonn, aveva rincarato la dose, sostenendo  di non amare l’atteggiamento da primadonna della rivale.  La statunitense, a sua volta, aveva replicato, attraverso un post di twitter , che nessuno poteva darle della piagnucolona, ribadendo, invece, il suo essere una vera guerriera. Adesso, questa querelle sembra decisamente acqua a passata. Addirittura, la Gut ha augurato una rapida guarigione all’avversaria. Saranno auguri sinceri o formali? Difficile a dirsi. Forse sono frutto di quella magnanimità che si infonde improvvisamente nei nostri cuori quando ci sentiamo  finalmente al sicuro, una volta raggiunta  la nostra ambita vetta.
Quello che è certo è che il duello tra Lindsey Vonn e Lara Gut  ha animato  la stagione di Coppa del Mondo di sci, anche dal punto di vista del gossip.
E sperava in una lotta incerta fino alla fine, Tina Maze, campionessa olimpica nella discesa libera e nello slalom gigante a Soči 2014.
Sfortunatamente, la Maze non verrà accontentata: quello che ci attende è un gran finale tutto svizzero, con ben poche sorprese.
Con buona pace della sfortunata Vonn, ora Lara Gut può sorridere sul serio.

 

 

 

  •   
  •  
  •  
  •