Sci alpino, tutto pronto per per l’inizio della Coppa del Mondo

Pubblicato il autore: Gianpiero Farina Segui
sci alpino-italia
La Coppa del Mondo di sci alpino è finalmente pronta a ripartire. Lo farà, come da tradizione, da Sölden, in Austria. Sarà un debutto che possiamo, usando una sorta di giro di parole, definire gigante. Infatti, saranno due slalom giganti, uno femminile, che si disputerà sabato 22, e uno maschile, che si terrà domenica 23, a dare il via alle danze della stagione sciistica. Purtroppo però a farla da padrone saranno i forfait e le assenze. Mancheranno, tra gli altri, Anna Veith-Fenniger, che si sta ancora riprendendo dal grave infortunio che l’ha tenuta ai box nell’anno passato, e le statunitensi Lindsey Vonn e Julia Mancuso, per le quali però si parla di una scelta tattica dettata dal volersi dedicare più alle discipline veloci che a quelle tecniche, tra le donne, Aksel Lund Svindal e Matthias Meyer tra gli uomini. A rischiare lo stop più lungo è probabilmente lo scandinavo, che deve ancora recuperare dallo rottura del legamento crociato del ginocchio destro patita lo scorso gennaio a Kitzbuhel. Il norvegese è tra i favoriti per la vittoria finale della tanto ambita sfera di cristallo. La speranza, sua e dei suoi numerosissimi tifosi, è quella di riuscire a tornare in gara e in condizione il prima possibile. Il rischio è quello di doversi poi trovare a dover recuperare il terreno perduto. Anche se le qualità, la classe, il carattere e la determinazione di certo non mancano.
Parlando invece di chi ci sarà, in campo femminile c’è grande attesa per Lara Gut, l’anno scorso quarta in terra austriaca, ma vincitrice poi della Coppa del Mondo generale. Un successo che in molti hanno sminuito, visti i continui infortuni di Lindsey Vonn, il lungo stop di Anna Veith-Fenninger e l’anno sabbatico della slovena Tina Maze. L’elvetica è però pronta a confermarsi e a dimostrare che i risultati non sono mai frutto del caso, ma bensì del talento, del lavoro e del sacrificio quotidiano e continuo. Tra le avversarie della svizzera ci sarà sicuramente la statunitense Mikaela Shiffrin. La ventunenne sciatrice ha dichiarato di volersi cimentare anche nelle discipline veloci. Da tenere assolutamente d’occhio la rappresentante del Liechtenstein Tina Weirather, che ha stupito tutti nella sua prima stagione in Coppa del Mondo. In campo maschile invece tutti i fari saranno puntati sulla squadra francese. La loro supremazia è testimoniata dal fatto che Mathieu Favre, Thomas Fanara, Victor Muffa-Jeandet e Alexis Pinturault partiranno tutti nei primi sette. Ma chi potrà ostacolare la supremazia francese? Senza alcun dubbio, Ted Ligety, vincitore lo scorso anno e che rientra dopo ben nove mesi di stop e un’operazione al legamento crociato anteriore del ginocchio destro, e Marcel Hirscher, che guiderà la pattuglia, sempre molto nutrita e combattiva, degli austriaci.
E l’Italia? Un nome su tutti: Federica Brignone, trionfatrice l’anno scorso in quel di  Sölden. L’atleta azzurra è ormai nel pieno della sua maturità e può e deve ambire a un posto tra le prime cinque a livello mondiale. Un po’ più difficile e complicato trovare qualcuno su cui puntare tra gli uomini. Pesa l’ennesimo stop di Borsotti, davvero sfortunatissimo. Si spera nelle ottime qualità di Roberto Nani, quarto la scorsa stagione. Chissà che non riesca a migliorarsi.
  •   
  •  
  •  
  •