Sci: Tina Maze annuncia il ritiro

Pubblicato il autore: Morgana Corti Segui
In foto Tina Maze

In foto Tina Maze

17 anni di carriera, 2 ori olimpici  e 4 titoli mondiali, questi sono i numeri di una grandissima campionessa slovena : Tina Maze.
Ieri la campionessa slovena di sci ha annunciato il proprio ritiro dalle competizioni,  restando però sempre nel mondo dello sci, come commentatrice televisiva tecnica di Eurosport.
La Maze ha 33 anni e alle spalle ben 26 vittorie in Coppa del Mondo, oltre alla conquista di quest’ultima nel 2013; lo scorso anno aveva deciso di prendersi un anno sabbatico rinunciando a partecipare alle gare.

Tutti pensavano che a Soelden volesse annunciare il rientro nelle competizioni, magari anche per un numero limitato di gare, e invece è arrivata una decisione diversa: “Sono davvero felice e orgogliosa di ciò che ho raggiunto – ha raccontato la slovena -. Non sento più le motivazioni, l’energia. Non ho più la necessità di competere ad alto livello”. Ricordando però che disputerà la sua ultima gara di Coppa del Mondo il 7 gennaio 2017 a Maribor, nel gigante di casa sua.

LE SUE PAROLE-“Sono emozionata di entrare a far parte della famiglia di Eurosport, e sono grata che mi sia stata data un’opportunità di continuare la mia carriera all’interno del mondo dello sport che amo. Niente potrà sostituire l’adrenalina che si prova a gareggiare ai Giochi Olimpici o in Coppa del Mondo, ma questo è un nuovo capitolo della mia vita, di cui sono entusiasta, e spero di offrire agli appassionati un punto di vista diverso durante le gare.”

CARRIERA-Proprio a Soelden, nel gigante del 26 ottobre 2002, Tina Maze aveva conquistato la prima vittoria in coppa del Mondo. Un giorno che sarebbe passato alla storia perché insieme a lei, con lo stesso tempo al centesimo, vinsero anche la norvegese Andrine Flemmen e l’austriaca Nicole Hosp. In carriera, la slovena ha vinto la Coppa generale del 2012-13, con il record di punti realizzati (2414). Nel circuito vanta 26 vittorie: 4 in discesa, 14 in gigante, 4 in slalom, una in superG e 3 in combinata. Ai Mondiali ha conquistato l’argento in gigante a Val d’Isère 2009; l’oro in gigante e l’argento in combinata a Garmisch 2011; l’oro in superG e l’argento in gigante e in combinata a Schladming 2013; l’oro in discesa e in combinata a Beaver Creek 2015, dove fu anche argento in superG. Quattro i podi ai Giochi: argento in gigante e superG a Vancouver 2010, oro in discesa e gigante a Sochi 2014.

SOELDEN– La formazione azzurra che prenderà parte al gigante d’apertura della Cdm maschile di sci a Soelden domenica 23 ottobre. Il ds Massimo Rinaldi ha convocato Andrea Ballerin, Luca De Aliprandini, Florian Eisath, Simon Maurberger, Manfred Moelgg, Roberto Nani, Dominik Paris, Riccardo Tonetti e Tommaso Sala. La novità riguarda l’esordio su questa pista di Paris, che ha disputato complessivamente due prove fra le porte larghe fallendo la qualificazione per la seconda manche a Hinterstoder nello scorso febbraio e a Beaver Creek nel dicembre 2015. Prima austriaca anche per il lecchese Sala, ha gareggiato in questa specialità solamente in due occasioni, entrambe a Hinterstoder, senza entrare nei trenta che hanno preso parte alla seconda manche. L’Italia vanta due podi nella storia con il secondo posto di Max Blardone nel 2004 e il secondo posto di Manfred Moelgg nel 2012.

  •   
  •  
  •  
  •