Coppa del Mondo di sci, nello slalom femminile domina la Shiffrin. Domani in gara gli italiani.

Pubblicato il autore: matteo lanzi Segui

E’ sempre Mikaela Shiffrin. Cambiano le stagioni, passano i mesi, ma la regina dello slalom è sempre la statunitense, capace di inaugurare la nuova stagione con un grande vittoria sulle nevi ghiacciate di Levi, in Finlandia. Troppo forte l’americana, che aveva concluso la scorsa stagione vincendo lo slalom nelle finali di coppa di Sant Moritz, giunta ormai al ventunesimo centro in questa specialità in gare iridate. Seconda la svizzera Holdener a sessantasette centesimi, mentre a completare il podio è  la slovacca Vlhova a settantacinque centesimi di distacco. Un pendio oggettivamente non troppo complicato, che ha dato la possibilità di rendersi protagonista anche all’emergente slovacca, terza a sorpresa dopo una prova di grande carattere.La migliore delle azzurre è Manuela Moelgg, tredicesima e con un ritardo di due secondi e quarantanove centesimi dalla leader, comunque in rimonta dopo il quindicesimo posto della prima manche. Male, se non malissimo, il resto della truppa tricolore. Ventesima Irene Curtoni, a tre secondi e sedici centesimi dalla Shiffrin. Fuori nella prima manche Costazza, Perrucchon e Azzola, le altre tre ragazze italiane in gara.
razzoli
La speranza è maschile.

Domani, sempre in quel di Levi, sarà in programma lo slalom maschile, che verrà impegnato un nutrito gruppo di atleti italiani.Stefano Gross, Giuliano Razzoli, Patrick Thaler, Manfred Moelgg, Riccardo Tonetti, Andrea Ballerin e Stefano Sala proveranno a imporre un regime diverso da quello previsto : i bookmakers e gli esperti del settore danno per favorito Marcel Hirscher, vista anche l’assenza di Kristoffersen, in lite con la sua Federazione. Hirscher, tra l’altro, ieri ha fatto un incontro speciale in Lapponia, come documentato dal suo profilo Instagram:”Ferdl II is in the woods, so I said “hi” to his cousin!”, scrive l’austriaco, allegando una foto con una simpatica renna. Si sa, dal ponte di Ognissanti in poi l’atmosfera natalizia si inizia a far sentire in tutto il mondo, un pò per colpa dei media un pò per quel fanciullo che è presente in ognuno di noi e che ci accompagna per tutta la vita. Naturalmente, il paese di Babbo Natale, non poteva far eccezione. Ecco quindi il forte sciatore farsi immortalare in compagnia di questo simpatico animale, sperando che domani sia proprio l’austriaco a comportarsi da Babbo Natale e a fare magari un “regalo” alla spedizione azzurra con una prestazione poco convincente. L’azzurro Razzoli, veterano del team Italia, in questi giorni si è raccontato alla Gazzetta dello Sport, mostrandosi preoccupato per la spaccatura generazionale presente all’interno d el movimento… Giuliano sottolinea come ci sia un buco di dieci anni alle spalle della  generazione d’oro rappresentata da  lui,Moelgg,Thaler e Gross. Vuoto  riempito solo da Tonetti e dal giovanissimo ( classe 1995 )  Sala.Considerazioni giuste, da capitano vero, che devono far riflettere in Federazione ( e magari convincerla a credere di più nella squadra B, già forte di se ma acerba) per assicurare un futuro a questa disciplina. Intanto c’è il presente e la gara di domani. Importante per iniziare bene la stagione e per  dimostrare ancora una volta, in caso ce ne sia bisogno, il valore di questa campioni e di questa squadra, che, va ricordato, ha scritto pagine importanti dello sci italiano.

  •   
  •  
  •  
  •