Sci Italiano ancora protagonista: Sofia Goggia 2°in discesa a Lake Louis!

Pubblicato il autore: Omar Bonelli Segui

Risultati immagini per sofia goggia
Sofia Goggia colpisce ancora, secondo podio in carriera per la bergamasca che si piazza al 2°posto nella discesa femminile di Lake Louis in Canada. La Goggia chiude seconda dietro alla slovena Stuhec, terza la svedese Kling, mentre ottima quarta un’altra italiana Lara Gut.
La sciatrice italiana 24 enne si ripete dopo che il 26 novembre 2016 ottenne a Killington, il suo primo podio nel massimo circuito, chiudendo terza lo slalom gigante. La Goggia è stata molto abile nello sfruttare il momento di massima visibilità, in una gara complicata dal punto di vista meteoreologico, infatti per la maggior parte della discesa c’è stata scarsa visibilità a causa della nebbia. Da segnalare che la gara è stata anche interrotta a causa di raffiche di vento.

LA GARA E L’ORDINE D’ARRIVO. BENE LE ITALIANE!
Al termine di una pazza gara salgono sul podio della prima discesa di Lake Louise, tre atlete che non c’erano mai salite in carriera nella specialità, questo fa capire la stranezza di questa gara, che però ha visto protagonista lo sci femminile azzurro.
Vince dunque la slovena Ilka Stuhec, seconda la Goggia e terza la svedese Kajsa Kling, ottima quarta Lara Gut, settimo posto di Johanna Schnarf a 1″38 dalla Stuhec, quindi Elena Fanchini dodicesima. Andando a ripercorrere la gara forse decisivi i pettorali, infatti la Goggia è scesa con il numero 28, la Stuhec con il 29, probabilmente in quei minuti di gara, c’erano le condizioni migliori per gareggiare.

Soddisfazione immensa per Sofia Goggia, perché oltre ad un lusinghiero secondo posto, la bergamasca si prende una grossa rivincita, su questa neve tre anni si ruppe il legamento crociato del ginocchio sinistro, ma stavolta è lei che si prende una gran bella soddisfazione anche contro la sfortuna, finora infatti la sua carriera è stata contraddistinta da troppi infortuni.

LE PAROLE DELLA GOGGIA A FINE GARA
La Goggia al traguardo non nasconde una grande emozione, queste le sue parole dopo l’impresa: “Sinceramente non me l’aspettavo, sapevo di fare buone cose, ma allo stesso tempo non volevo crearmi aspettative inutili. Ho pensato solamente a sciare come sono capace, ho commesso qualche errorino ma quando sono arrivata al traguardo e ho visto il tempo non volevo credere ai miei occhi.
Su questa pista mi sono fatta tanto male tre stagioni fa, sono stracontenta. Durante il raduno estivo di Ushuaia sentivo di avere ritrovato buone sensazioni anche nella velocità, ma non pensavo di ottenere questo risultato alla prima occasione, anche perché nella prima prova ho sbagliato un salto e mi sono un po’ spaventata”.
Chissà che lo sci azzurro femminile non abbia trovato una nuova campionessa, l’atleta delle Fiamme Gialle ha soli 24 anni e se la sfortuna la lascerà in pace, potrebbe ottenere grandi risultati in futuro.

Domani la seconda tradizionale discesa della località canadese dell’Alberta, mentre domenica andrà in scena il superG.
A questo punto la Goggia è attesa anche per la discesa di domani, ma soprattutto per il superG di domenica che considera la sua specialità preferita. Sofia infatti è una sciatrice che fa ben quattro specialità: discesa, superG, slalom gigante e supercombinata.

  •   
  •  
  •  
  •