Altra medaglia di legno per l’Italia nei mondiali di sci alpino

Pubblicato il autore: Marco Roberti Segui

L’Italia rimane ancora a secco di medaglie in questi mondiali di sci alpino che si stanno svolgendo proprio in questi giorni a St. Moritz. Quella di oggi era una buona occasione per gli sciatori italiani di andare a medaglia. E infatti un azzurro in particolare si è distinto andando molto vicino all’obbiettivo. Dominik Paris, ventisettenne di Merano, con una grande seconda manche, nella prova di slalom della combinata alpina, è arrivato a sfiorare il podio posizionandosi al quarto posto(a pari merito con il norvegese Kilde), con un ritardo di 34 centesimi dalla medaglia di bronzo. Il primo posto è andato a uno sciatore di casa, lo svizzero Luca Aerni che ha realizzato una vera e propria impresa. Infatti lo sciatore al termine della prima manche di discesa libera era addirittura al trentesimo posto, e le possibilità di andare a medaglia erano davvero limitate. Invece sospinto dal pubblico di casa, Aerni è riuscito a stabilire un tempo ottimo e quindi a superare tutti. In primis l’austriaco Hirscher, grande favorito alla vigilia che è arrivato a solo un centesimo dal rivale. Grande protagonista della combinata alpina è però stata la Svizzera, che sta facendo un grande mondiale, che conquista anche la medaglia di bronzo con Caviezel che è arrivato a 6 centesimi proprio da Aerni. Per l’Italia quindi un’altra delusione dopo la medaglia di legno di Goggi nella giornata di ieri. E un medagliere che continua a piangere.

  •   
  •  
  •  
  •