Arturo, il cane temerario dell’Adventure Racing (AR) World Championship 2014

Pubblicato il autore: Andrea Danzi Segui

Adventure Racing

Dal 7 al 19 novembre si è disputato a Quito, Equador, l’Adventure Racing (AR) World Championship 2014. Numerosi Team, composti da 4 membri con almeno un membro femminile e 2 membri della stessa nazionalità, hanno affrontato una gara di circa 700 km attraversando in autonomia zone selvagge e incontaminate con un percorso non stop che prevede un mix di discipline molto dure come trekking, arrampicata e discesa su corda, MTB, orienteering, kayak, nuoto e canoa, per raggiungere il traguardo finale.

Il percorso di Quito, prova finale di uno spettacolare circuito di gare Adventure, è stato epico (vedere l’altimetria nell’immagine per credere): gli atleti, a cavallo dell’Equatore, hanno dovuto scalare le vette delle Ande (4.500m) e attraversare la giungla amazzonica per raggiungere le spiagge tropicali dell’Oceano Pacifico. Il Team New Zealand “Seagate” ha tagliato il traguardo in prima posizione laureandosi campione del mondo per la seconda volta (la prima in Francia nel 2012), dopo 4 giorni e mezzo di gara e aggiudicandosi il premio di 75 mila dollari.

Ad attirare l’attenzione all’interno di questa spettacolare competizione è stata la tenera la storia di un cane randagio, Arturo. Un giorno il capitano del Team svedese “Peak Performance”, Mikael Lindnord, ha condiviso, vedendolo sporco e denutrito, una polpetta di carne con un randagio. Da quel momento quel randagio gli ha dichiarato riconoscenza eterna, dimostrandola con atti di fedeltà fuori dal comune. Arturo ha cominciato a seguire gli svedesi durante le prove, sia nel fango che sotto le intemperie. Ha persino nuotato in un fiume pur di stare con loro. Da quel momento è diventato ufficialmente il quinto membro del Team, tagliando il traguardo con loro dopo sei giorni in 12esima posizione assoluta. Al termine della gara Arturo ha trovato una famiglia pronta ad amarlo, Mikael l’ha portato con sé in Svezia.

arturo

  •   
  •  
  •  
  •