IRONMAN 70.3 di Auckland, Nuova Zelanda, torna il triathlon internazionale

Pubblicato il autore: Andrea Danzi Segui

IRONMAN 70.3 Auckland

Ritorna il triathlon internazionale. La Nuova Zelanda ha ospitato oggi la prima gara del 2015: l’IRONMAN 70.3 di Auckland. Gli atleti hanno nuotato nel Viaduct Harbour, pedalato sul famoso Harbour Bridge e corso lungo il pittoresco lungomare. Non ci sono mappe per descrivere questo fantastico percorso, ma un meraviglioso filmato tutto da gustare – VIDEO
Auckland è una sede storica del triathlon internazionale, in quanto scelta, a metà degli anni 80, come prima tappa del circuito IRONMAN e gli atleti hanno ripercorso in bici parti di quel tracciato originale.

I due dei triatleti più popolari dell’Ironman hanno trionfato nel centro di Auckland.
Tim Reed è considerato come uno dei migliori triatleti del mondo delle corse IRONMAN, ma oggi ha dovuto faticare sette camicie per vincere. L’australiano ha lavorato molto in bicicletta nel 2014 proprio per farsi trovare in forma già nelle prime gare dell’anno e i risultati di questo sacrificio si sono subito visti, riuscendo a tenere il passo dei più forti sui pedali. La sua tenacia l’ha premiato solo al 5° km della frazione podistica, momento in cui è riuscito a prendere il comando della gara per la prima volta per poi volare verso il traguardo e concludere in 3:49:53 con un vantaggio di soli 30 secondi sul suo connazionale Leon Griffin.
Nella battaglia per il terzo, l’infaticabile 42enne, icona dell’Ironman neozelandese, Cameron Brown è tornato a una forma strabiliante ed è riuscito a tenere dietro il cinque volte campione del mondo Craig Alexander.

IRONMAN 70.3 di Auckland

Meredith  Kessler ha mostrato una forma straripante. L’americana si è portata subito in testa dopo la frazione del nuoto, ma al 12° km le è saltata la catena dopo aver colpito un dosso obbligandola a sporcarsi le mani di grasso e costringendola a perdere circa due minuti. Il suo recupero è stato ostacolato anche da un contrattempo con gli scarpini in seconda transizione. Nonostante questi intoppi la Kessler ha mantenuto la calma e ha completato facilmente la rimonta sulle avversarie andando a vincere in 4:20:11 con ben 03:21 sulla neozelandese Gina Crawford, anche lei colpita dalla sfortuna in bici quando la sua ruota si è intrappolata in una fessura sul ciglio della strada sull’Harbour Bridge. A completare il podio è stata la giovane locale Amelia Watkinson, il futuro neozelandese di questo sport.

ELITE MEN
1 Tim REED (Australia) 3:49:53
2 Leon GRIFFIN (Australia) 3:50:23
3 Cameron BROWN (New Zealand) 3:51:18
ELITE WOMEN
1 Meredith KESSLER (USA) 4:20:11
2 Gina CRAWFORD (New Zealand) 4:23:32
3 Amelia WATKINSON (New Zealand) 4:26:17

  •   
  •  
  •  
  •