Il Coni premia gli atleti Special Olympics

Pubblicato il autore: Rocco Menechella

Special Olympics

IL CONI PREMIA GLI ATLETI SPECIAL OLYMPICS. Un giorno sicuramente da ricordare quello dello scorso 15 dicembre quando alla presenza del Presidente del Consiglio Matteo Renzi, presso la Casa delle Armi al Foro Italico, gli Atleti Special Olympics Italia, Alice Sorato e Andrea Ministro, in rappresentanza di tutti gli altri compagni della delegazione italiana che hanno conquistato una medaglia d’oro ai Giochi Mondiali Special Olympics di Los Angeles, hanno ricevuto un premio di riconoscimento. Una gratificazione importante per Alice Sorato, atleta veneta di ginnastica artistica, vincitrice di 3 medaglie d’oro rispettivamente nel corpo libero, nella trave e nell’all around e per il cavaliere marchigiano Andrea Ministro che, nel luglio scorso, ha conquistato 2 medaglie d’oro, nell’english equitation e nel working trail. Due percorsi, due vite, accomunate dalla passione per lo sport e dalla volontà di crescere, ogni giorno, migliorandosi. Vederli coinvolti in un’occasione così importante insieme ai colleghi, campioni olimpici di livello, riempie d’orgoglio tutti quelli che credono nei valori dello sport e che, attraverso questo straordinario mezzo di inclusione, tendono al riconoscimento dell’impegno e delle capacità di ognuno. Ecco alcune informazioni nel dettaglio come riportato sul sito ufficiale di Special Olympics Italia.
Alice Sorato
Alice, 18 anni e lunghi capelli neri, frequenta l’ultimo anno dell’Istituto d’Arte M. Guggenheim di Venezia, indirizzo “scenografia”; è cresciuta in una famiglia di sportivi, il papà è un allenatore di pallavolo ed il fratello maggiore, Luca, ha giocato per anni nella Lega Pallavolo Serie A. Spinta dalla mamma, Alice inizia a fare ginnastica artistica; ricorda bene ed ancora con grande emozione la sua prima gara, a Lodi: “La notte prima non ho praticamente mai dormito – racconta – l’emozione era tanta, ero la più piccola, inizialmente ho avuto un po’ di timore ma poi mi sono fatta forza perché l’esercizio lo conoscevo bene”. Da quel giorno Alice ha percorso una lunga strada, ricca di soddisfazioni e riconoscimenti che le hanno permesso di crescere come sportiva ma soprattutto come persona: “La partecipazione ai Giochi Mondiali di Los Angeles – conclude Alice – è un sogno che si è avverato; temevo di non essere all’altezza della scelta fatta dai tecnici nazionali. Felice di rappresentare l’Italia mi sono impegnata tanto per dare il meglio di me stessa, forse neanche io mi aspettavo questi risultati”. Alice è stata l’unica atleta italiana che, di ritorno da Los Angeles, ha portato a casa 3 medaglie d’oro, oltre a 2 medaglie di bronzo nel volteggio e nelle parallele; le sue vittorie, con la premiazione al CONI di domani, non passeranno certamente inosservate.

Andrea Ministro

Andrea Ministro è un ragazzo di 36 anni che già da piccolino provava un forte interesse per i cavalli. Comincia il suo percorso, nel 1998, con un approccio di tipo terapeutico. Superate le paure iniziali, Andrea cresce, fisicamente e sportivamente, trasformando, nel corso del tempo, la terapia nella sua più grande passione. “Ricordo perfettamente – afferma Andrea – che le prime salite sul cavallo avvenivano, con un certo timore, utilizzando scaletta e l’aiuto degli operatori”. L’interesse e la voglia di superare le proprie paure lo portano a bruciare le tappe; al passo, subentra ben presto l’apprendimento del trotto e del galoppo. Andrea oggi è consapevole delle sue reali capacità, ma anche dei suoi limiti che con impegno e determinazione prova sempre a superare. Un percorso, il suo, ricco di soddisfazioni e riconoscimenti; oltre alle due medaglie d’oro, a Los Angeles ha vinto anche una medaglia d’argento, nel dressage.

Per condividere integralmente le storie di Alice, Andrea e degli Atleti che hanno partecipato ai Giochi Mondiali di Los Angeles consultare il sito: www.ioadottouncampione.it
  •   
  •  
  •  
  •