Markus Eder: “Una stagione sfortunata, ma per il prossimo anno ho in cantiere un bel progetto”

Pubblicato il autore: Gianluca_Rizzo

Markus Eder, classe 1990, è uno sciatore freestyle e nonostante il nome che potrebbe trarre in inganno è italianissimo. Ha partecipato alle olimpiadi invernali di Sochi nel 2014

markus-eder-drop-da-un-cliff-enorme

Markus Eder collabora anche co la MSP Production (Matchstick Productions); che è una compagnia di produzione film specializzata nel mondo dello sci. La casa di produzione è stata fondata nel 1992 e come riportato sul sito ufficiale: ” Matchstick mira a creare divertenti film che non solo sono mozzafiato visivamente, ma sul filo di lama di sport d’azione “.
Prima di riprendere a lavorare si è raccontato a redbull.com; ecco la sua intervista, e non perdetevi l’emozionante video in 4K.

Marcus ha parlato della scorsa stagione, che non è stata esattamente la migliore della sua carriera.
“E’ stata strana. A febbraio mentre mi allenavo mi sono fatto male alla spalla. Sono rimasto fermo per un mese e mezzo. Ho fatto tanta fisioterapia per recuperare al meglio e alla fine, a marzo, ho ripreso a girare, cercando di sfruttare al massimo i giorni a disposizione.”

Ovviamente anche la location è importante per realizzare un film di successo, e dove se non in Italia…tra le varie ambientazioni

“Siamo stati in Marmolada, dove siamo riusciti a filmare quel salto e ne è uscito del buon materiale. Poi sono andato in Alaska, ad Haines. Un posto incredibile per sciare, le montagne sono super. Putroppo il clima non è stato favorevole, ha nevicato tanto e spesso siamo rimasti a terra perché il pericolo valanghe era troppo alto. Alla fine comunque abbiamo filmato del buon materiale anche se in soli cinque giorni. Poi a maggio mentre in Italia arrivava il caldo sono partito per l’Islanda, il viaggio migliore della stagione. Mi ha sorpreso l’ambiente naturale che c’è lì, c’è il ghiaccio e acqua calda che esce dalla terra ovunque, veramente un posto incredibile.”
markus-eder

Ormai sono ben due anni che Marcus lavora con MPS, e racconta di come nasce un video di successo
“Per me lavorare con loro è il top. Hanno tantissima esperienza, fanno film da più di vent’anni, e l’ambiente è super stimolante. Molti credono che siano i filmer a spingerci a fare trick difficili o a prendere rischi, invece è assolutamente il contrario. Fanno moltissima attenzione.”

Ovviamente l’estate è più difficile allenarsi, e l’infortunio di quest’anno ha permesso a Marcus di prendersi un po’ di riposo, ma gli è impossibile stare fermo
Quest’anno è stato un po’ particolare perché a giugno sono stato operato alla spalla. In generale d’’estate non ho un programma particolare, cerco di tenermi sempre in movimento, trampolini e cose così insomma. Adesso devo dire che sto veramente bene e sono pronto per l’inverno.”

E’ora di pensare al 2016, ecco i suoi progetti per l’imminente futuro
“Mi piacerebbe fare bene al Freeride World Tour, l’anno scorso ho fatto solo una tappa. Poi c’è il Red Bull Linecatcher che è veramente un bell’evento, rappresenta proprio il mio stile di sciata e vorrei fare bene anche li. In più mi piacerebbe continuare a filmare con MSP. Ho anche in cantiere un bel progetto al quale sto lavorando in questi giorni, ma per ora è ancora Top Secret!”

  •   
  •  
  •  
  •