Australian Open, Djokovic, Raonic e Wawrinka avanti senza problemi

Pubblicato il autore: Dario D'Auriente Segui

Si è chiuso questa mattina il terzo turno degli Australian Open. Il tabellone maschile si è così allineato agli ottavi di finale. Se la parte bassa ha visto ieri l’eliminazione di Roger Federer per mano del nostro Andreas Seppi, con un parter di tennisti ora che se la gioca per raggiungere la finale (in testa Nadal e Murray, senza dimenticare Berdych e Dimitrov, o i possibili outsider australiani Kyrgios e Tomic), nella parte alta le sorprese non sono così eclatanti.

novak djokovicQuesta mattina, giornata numero 6 dello Slam australiano, tutto più o meno come da pronostico. Cominciamo con Djokovic. Il numero 1 del mondo non ha avuto particolari problemi a sbarazzarsi dell’ostacolo mancino spagnolo Verdasco (n. 31), con il punteggio finale di 7-6 (8) 6-3 6-4. Qualche problema per il serbo solo nel primo set, dove non ha capitalizzato le palle break che ha avuto a disposizone e ha sofferto anche nel tie-break, dove è stato in svantaggio per 3-5 prima di assicurarselo per 10 punti a 8. Poi partita in discesa, con Djokovic che ha difeso nello stesso turno di battuta (il secondo del secondo set) le uniche tre palle break consecutive concesse a Verdasco.

Leggi anche:  Federer, Simon: "Non è meno guerriero di Nadal"

In precedenza tutto liscio sulla Rod Laver Arena per il detentore del titolo Wawrinka (n. 4), che ha impiegato poco tempo per vincere la resistenza del finlandese Nieminen, che alla fine ha ceduto per 6-4 6-2 6-4.  Bene, anzi benissimo, Feliciano Lopez. Lo spagnolo, numero 12 del seeding, ha avuto la meglio sul temuto polacco Janowicz in tre set (7-6 6-4 7-6), aggiudicandosi i punti importanti e dimostrando ancora una volta uno stato di forma ottimale.

2014 US Open - Day 8Tra gli altri big, vittoria in quattro set (6-2 7-5 5-7 7-6) di Ferrer sull’ostico francese Simon, del nipponico Nishikori (5) sull’amoericano Johnson, che aveva vinto il primo set al tie-break prima di cedere di schianto (6-7 6-1 6-2 6-3) e di Raonic (8) sul tedesco Becker in tre rapidi set (6-4 6-3 6-3). Infine Garcia-Lopez passa il turno battendo il menomato Pospisil e, un po’ a sorpresa, esce di scena il gigante a stelle e strisce Isner, superato dal lussemburghese Muller (7-6 7-6 6-4).

Leggi anche:  Federer, Simon: "Non è meno guerriero di Nadal"

Questo il quadro degli ottavi:

Djokovic (1) – Muller

F. Lopez (12) – Raonic (8)

Wawrinka (4) – Garcia-Lopez

Ferrer (9) – Nishikori (5)

Berdich (7) – Tomic

Anderson (14) – Nadal (3)

Murray (6) – Dimitrov (10)

Kyrgios – Seppi

  •   
  •  
  •  
  •