Che impresa Seppi! Battuto Roger Federer agli Australian Open

Pubblicato il autore: Dario D'Auriente Segui

Seppi_Andreas_Australian_Open_19_01_2013_01Giornata storica quella di oggi, venerdì 23 gennaio, per il tennis italiano agli Australian Open. e per Andreas Seppi. Accade l’impensabile sulla Rod Laver Arena. Nel terzo match di giornata, quello tra il numero 2 del mondo, re Roger Federer, e l’azzurro Seppi (n. 48), vince Seppi. La spunta dunque l’altoatesino, che a fine gara è quasi incredulo su quanto appena fatto davanti ai 15000 spettatori del centrale di Melbourne. Vittoria stupenda, fenomenale, sorprendente ma, soprattutto, giusta per quanto visto in campo quella di Andreas.

tennis grande slam federer carrieraSi dirà che forse Federer non era al top oggi in campo, ma Seppi oggi è stato capace di condurre l’incontro dall’inizio alla fine, senza mai concedere nulla al campione elvetico e reggendo di nervi nei due tie-break che gli hanno consentito di estromettere lo svizzero dal torneo di Melbourne. 6-4 7-6 (5) 4-6 7-6 (5) in tre ore di gioco il punteggio finale. Una cosa mai vista per un italiano, capace non solo di battersi contro sua maestà del tennis (come, per altro, aveva fatto nel turno precedente Simone Bolelli, strappando però un solo set a Federer), ma di superarlo nei colpi da fondo campo. Alla fine per Seppi sono 50 i winners contro i soli 40 errori non forzati. Anche per Federer saldo positivo (57/55), e questa la dice lunga sul tipo di partita giocata da Andreas. Che, c’è da dirlo, ha dimostrato anche una preparazione fisica eccellente a dispetto del campione svizzero.

Leggi anche:  Federer, Simon: "Non è meno guerriero di Nadal"

Nei confronti diretti con Federer, Seppi aveva portato a casa 10 sconfitte su altrettanti incontri, conquistando, tra l’altro, un solo set tra tutti quelli disputati. Con questo risultato Seppi accede per la seconda volta in carriera ai sedicesimi di finale degli Australian Open, dove se la vedrà o con il padrone di casa Kyrgios, o contro il tunisino Jaziri. Sfida non impossibile dunque, per poter continuare a sognare.

  •   
  •  
  •  
  •